Acquisti sul dollaro, salgono le borse: c'è qualcosa che stona...

Acquisti sul dollaro, salgono le borse: c'è qualcosa che stona...

Ivan Gaddari  | 12.02.2019 11:24

I tori del dollaro hanno dato un segnale importante, segnale che induce a chiedersi se siamo difronte a una ripartenza definitiva del biglietto verde. Nel contesto del continuo rallentamento delle economie globali, il dollaro ancora una volta rappresenta un porto sicuro per eccellenza (asset ad alto rendimento). Con la Fed particolarmente accomodante e la crescita economica USA che si mostra solida, la forza del dollaro ha spinto EUR/USD sotto 1.1300 (è stato un supporto chiave per diversi mesi), mentre ha portato Dollaro/Yen sopra 110.00. I rendimenti dei titoli di stato sono aumentati leggermente, ma non corrispondono affatto alla corsa agli acquisti del biglietto verde.

Questo lascia alcuni punti interrogativi sulla sostenibilità del movimento. A tal proposito sarà interessante capire se oggi si proseguirà su questa strada oppure no, aggiungiamoci il rimbalzo sui titoli azionari (che trae spunto dall’ottimismo sul possibile accordo commerciale Cina/USA) e la discrepanza è servita. Oltre alla notizia del possibile accordo, la propensione al rischio è cresciuta anche grazie all’accordo tra democratici e repubblicani che impedirà un ulteriore arresto del governo USA (la scadenza era fissata al 15 febbraio). Se tale accordo venisse confermato rappresenterebbe un fattore di rischio in meno.

Wall Street ha chiuso la sessione di ieri in territorio misto (S&P 500 +0,1% a 2710 punti) con i futures statunitensi che invece guadagnavano +0,5%. I mercati asiatici sono stati ampiamente positivi con il Nikkei +2,6% e lo Shanghai Composite +0,7%. Anche I mercati europei sono partiti a spron battuto. Nel Forex la propensione al rischio si ripercuote sullo yen, il principale perdente di giornata, mentre australiano e dollaro canadese stanno andando bene. Sul fronte materie prime segnaliamo una nuova spinta dell’oro – anche in questo caso stona con gli acquisti di dollaro e di azionario – e il petrolio greggio guadagna circa mezzo punto percentuale.

Sul fronte macro economico segnaliamo soltanto gli US JOLTS per dicembre delle ore 16, che dovrebbero crescere leggermente a 6,90 m (da 6,89 di novembre). Attenzione ai commenti del governatore della Bank of England Mark Carney delle ore 14, mentre il presidente della Fed Jerome Powell paerlerà alle 18:45. Nel corso della prossima notte c’è il meeting della Reserve Bank of New Zealand ma non sono previsti cambiamenti in seno all’attuale politica monetaria.

Ivan Gaddari

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+