2 settori da evitare, 1 da comprare con il via alla stagione degli utili del 4Q

2 settori da evitare, 1 da comprare con il via alla stagione degli utili del 4Q

Investing.com  | 13.01.2021 12:58

La stagione degli utili del quarto trimestre a Wall Street inizia questa settimana: JPMorgan Chase (NYSE:JPM), Citigroup (NYSE:C) e Wells Fargo (NYSE:WFC) pubblicheranno i loro ultimi risultati finanziari prima dell’apertura venerdì 15 gennaio.

I dati di FactSet mostrano che gli analisti si aspettano che gli utili del quarto trimestre dell’indice S&P 500 crollino dell’8,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, soprattutto per via dell’impatto negativo della pandemia di COVID-19.

Se confermato, il quarto trimestre 2020 vedrà il terzo calo maggiore su base annua degli utili dell’indice dal terzo trimestre del 2009, dopo il primo ed il secondo trimestre di quest’anno. Sarà anche la settima volta negli ultimi otto trimestri in cui l’indice avrà riportato un calo degli utili su base annua.

Sette settori dovrebbero vedere un calo annuo degli utili, con in testa i settori legati ad energia, industria e beni voluttuari. Quattro, invece, con in testa materiali e sanità, dovrebbero registrare una crescita annua degli utili.

 

Crescita utili S&P 4° trimestre

 

Le aspettative sui ricavi sono leggermente più incoraggianti. La crescita delle vendite dovrebbe vedere un aumento dello 0,4% rispetto ad un anno fa. Se confermato, sarà la prima volta in cui l’indice avrà riportato una crescita annua dei ricavi dal primo trimestre del 2020.

Sei degli 11 settori dovrebbero riportare un incremento annuo dei ricavi, con in testa il settore sanitario. Cinque, invece, dovrebbero registrare un calo annuo della crescita delle vendite, con in testa, ancora una volta, energia ed industria.

 

Crescita ricavi S&P 4° trimestre

 

Di seguito parleremo di due settori i cui risultati finanziari dovrebbero vedere il tonfo maggiore e di un settore in cui gli utili dovrebbero mostrare una relativa forza.

Settore energetico: i prezzi del greggio bassi peseranno sui risultati

  • Calo previsto EPS 4° trimestre: -98,4% su base annua
  • Calo previsto ricavi 4° trimestre: -32,7% su base annua

Il settore energetico dovrebbe registrare il calo maggiore degli utili su base annua fra tutti gli 11 settori: FacSet stima un tonfo di ben il 98,4% degli EPS nel quarto trimestre rispetto all’anno prima.

Con i prezzi del greggio bassi a pesare sul settore (il prezzo medio del greggio nel quarto trimestre del 2020 è stato di 41,94 dollari al barile, il 26% in meno rispetto al prezzo medio del quarto trimestre 2019 di 56,87 dollari al barile), si prospetta anche un crollo del 32,7% dei ricavi, il peggiore fra tutti gli 11 settori.

Due società emergono in questo gruppo con previsioni di cali considerevoli degli utili. Valero Energy (NYSE:VLO), che dovrebbe segnare una perdita di 1,22 dollari ad azione, rispetto agli utili di 2,13 dollari ad azione nello stesso periodo dell’anno prima. E Phillips 66 (NYSE:PSX), che dovrebbe riportare una perdita di 0,54 dollari ad azione, contro gli EPS di 1,54 dollari dell’anno precedente.

L’altro nome di spicco che dovrebbe subire una considerevole riduzione dei suoi utili del quarto trimestre è Chevron (NYSE:CVX), con 0,07 dollari ad azione, molto meno rispetto agli 1,24 dollari dello stesso periodo dell’anno prima.

 

XLE Daily

Grafico giornaliero XLE

 

In effetti, il fondo Energy Select Sector SPDR® Fund (NYSE:XLE), che replica un indice basato sulla capitalizzazione di mercato di società energetiche USA quotate sull’indice S&P 500, mostra un crollo del 27% negli ultimi 12 mesi, in confronto al balzo di quasi il 16% dell’indice S&P 500 nello stesso periodo.

Oltre ai titoli delle cosiddette Big Oil come Exxon (NYSE:XOM) e Chevron, alcuni dei suoi maggiori possedimenti sono: Schlumberger (NYSE:SLB), EOG Resources (NYSE:EOG), Marathon Petroleum e Kinder Morgan (NYSE:KMI).

Settore industriale: le compagnie aeree traineranno il calo annuo

  • Calo previsto EPS 4° trimestre: -34,8% su base annua
  • Calo previsto ricavi 4° trimestre: -10,6% su base annua

Il settore industriale vedrà il secondo tonfo maggiore degli utili su base annua fra tutti gli undici settori, con -34,8%.

Dei 12 settori in esso compresi, cinque dovrebbero riportare una riduzione degli utili a doppia cifra: compagnie aeree (-347%), conglomerati industriali (-21%), società commerciali e distributori (-13%), attrezzature elettriche (-11%) e prodotti per l’edilizia (-10%).

Il settore industriale dovrebbe inoltre riportare il secondo calo maggiore dei ricavi su base annua, con -10,6%. Il settore aereo ancora una volta sarà quello che contribuirà di più al calo annuo dei ricavi, con -66%, dovendo continuare a fare i conti con l’impatto negativo dell’emergenza sanitaria per il coronavirus.

 

JETS Daily

Grafico giornaliero JETS

 

Non sorprende che il settore delle compagnie aeree USA abbia visto una performance nettamente inferiore rispetto al mercato negli ultimi 12 mesi, con il principale fondo del settore, US Global Jets ETF (NYSE:JETS), che ha registrato un crollo di circa il 29% su base annua.

I principali possedimenti comprendono Southwest Airlines (NYSE:LUV), Delta Lines (NYSE:DAL), United Airlines (NASDAQ:UAL) ed American Airlines (NASDAQ:AAL).

Settore sanitario: società BioTech e Big Pharma vedranno una spinta per il COVID

  • Crescita prevista EPS 4° trimestre: +6,6% su base annua
  • Crescita prevista ricavi 4° trimestre: +10% su base annua

Il settore sanitario dovrebbe godere della spinta che arriva dalla corsa ai vaccini ed ai farmaci per il COVID-19 e dovrebbe riportare la seconda crescita degli utili su base annua più alta fra tutti gli undici settori. Gli EPS dovrebbero aumentare del 6,6% rispetto all’anno prima.

Cinque dei sei sotto-settori dovrebbero registrare utili più alti rispetto ad un anno fa. Il settore biotecnologie dovrebbe vedere un incremento a doppia cifra, del 15%. La crescita degli EPS nel trimestre arriverà anche dal settore farmaceutico, con gli utili che dovrebbero rimbalzare di quasi il 13% su base annua.

Il settore dovrebbe inoltre registrare la crescita dei ricavi su base annua più alta di tutti gli undici settori, con +10,0%. Cinque dei sei sotto-settori dovrebbero riportare una crescita dei ricavi, trainati dai guadagni a doppia cifra del gruppo strumenti e servizi di scienze biologiche (+22%) e biotecnologia (+20%).

 

XLV Daily

Grafico giornaliero XLV

 

Il fondo Health Care Select Sector SPDR® Fund (NYSE:XLV), il principale ETF del settore, è scambiato vicino ai massimi storici ed è schizzato di quasi il 14% negli ultimi 12 mesi.

Ancor più straordinario il fatto che l’iShares Nasdaq Biotechnology ETF (NASDAQ:IBB), che replica l’andamento delle maggiori società biotech e farmaceutiche quotate sul NASDAQ, sia schizzato di oltre il 31% nello scorso anno.

 

IBB Daily

Grafico giornaliero IBB

 

Per quanto riguarda le singole società, Moderna (NASDAQ:MRNA) ed Abbott Laboratories (NYSE:ABT) sono due da tenere d’occhio. MRNA, che ha sviluppato un vaccino per il COVID-19, dovrebbe registrare ricavi di 293,2 milioni di dollari, un’impennata di quasi il 2.000% rispetto ai 14,1 milioni di un anno fa, mentre ABT dovrebbe riportare ricavi di 9,94 miliardi di dollari, battendo gli 8,31 miliardi dell’anno scorso.

Investing.com

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
luca xxx
luca xxx

Valero è strong buy e il tp è di 85 USD. Assolutamente da prendere  ... (Leggi altro)

18.02.2021 23:57 GMT· Rispondi
Michele Martinelli
Michele Martinelli

Moderna registrerà un +2.000% dei ricavi rispetto all’anno scorso, ottimo ma probabilmente buona parte di questi sono già scontati visto il +500 e passa % del titolo in borsa rispetto ad un anno fa... la domanda è quale sarà il valore del titolo tra 1, 2 o 3 anni.. con il Covid probabilemente debellato o comunque con la presenza di altri player sul mercato che stanno per rilasciare i loro vaccini come JNJ, GSK, Sanofi o Astra Zeneca con una capacità produttiva nettamente più alta di Moderna? Moderna è stata un’ottima scommessa per chi gli ha dato fiducia un anno fa, un’ottimo treno.. già passato... con un orizzonte temporale di breve o anche di lungo termine alle attuali quotazioni non ci metterei un euro  ... (Leggi altro)

14.01.2021 12:02 GMT· Rispondi
vincenzo cadeddu
vincenzo cadeddu

sciorinare   ... (Leggi altro)

14.01.2021 06:55 GMT· Rispondi
vincenzo cadeddu
vincenzo cadeddu

sono pienamente d'accordo con palmieri. Scioperare solo dati statistici vuol dire tutto e niente. si addentri un po di più in previsioni, per quanto possibile.  ... (Leggi altro)

14.01.2021 06:53 GMT· Rispondi
pietro palmieri
pietro palmieri

non si può dire tutto e niente : troppe previsioni limiti un po' e dica meno altrimenti non è credibile!   ... (Leggi altro)

14.01.2021 03:16 GMT· Rispondi
GIULIO Rocchi
GIULIO Rocchi

nextera energy occhio a questa che sarà il futuro del green  ... (Leggi altro)

13.01.2021 18:42 GMT· 1 · Rispondi
Gio sit
Gio sit

Mah  ... (Leggi altro)

13.01.2021 16:23 GMT· Rispondi
Michele Luisetti
Michele Luisetti

parlate di Moderna... e va bene... ma.neanche una riga su BioNTech?  ... (Leggi altro)

13.01.2021 13:08 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.