Bond italiani su un terreno accidentato tra supporto della BCE e aiuti UE

Bond italiani su un terreno accidentato tra supporto della BCE e aiuti UE

Investing.com  | 04.06.2020 15:08

Il rendimento dei bond governativi italiani ha fatto una corsa sulle montagne russe nelle ultime settimane, con l’arrivo degli acquisti di asset della Banca Centrale Europea, insieme all’intenzione della BCE di aumentare lo stimolo per il coronavirus di 500 miliardi di euro a 1,25 mila miliardi nel corso della giornata.

L’Unione Europea, nel frattempo, sta discutendo della proposta di un prestito da 750 miliardi di euro per finanziare un fondo della ripresa per garanzie e prestiti destinati alle regioni ed ai settori più colpiti.

L’Italia si prepara a beneficiare sproporzionatamente da entrambe le misure, con le autorità UE che cercano di porre rimedio alla gaffe di marzo della presidente della BCE Christine Lagarde secondo cui non spetterebbe alla banca centrale ridurre lo spread tra i rendimenti dei bond sovrani dei membri della zona euro.

Italy 10Y Weekly

Grafico settimanale bond a 10 anni italiani

Il rendimento dei bond italiani a 10 anni, già più alto rispetto ai minimi di febbraio per via della pandemia, era schizzato di 180 punti base sulla scia dei suoi commenti, scatenando la furia di Roma contro il capo della BCE. Malgrado le successive rassicurazioni, i bond non si sono ripresi completamente.

Dal momento che il rendimento dei bond si muove in modo inverso rispetto ai prezzi, un aumento del rendimento rispecchia un calo dei prezzi con gli investitori che hanno abbandonato i bond italiani.

Aspetto altrettanto importante, soprattutto per i trader delle valute che valutano la forza dell’euro, lo spread tra i bond decennali italiani e quelli tedeschi è aumentato.

Italy vs Germany 10Y Spread Weekly

Grafico settimanale spread bond a 10 anni italiani-tedeschi

Il rendimento dei bond italiani ha alti e bassi mentre quello dei bond tedeschi, i bund, è rimasto piuttosto stabile con un rendimento negativo tra -35 e -40 punti base.

Lo spread si attesta ancora a circa 190 punti base, in quanto il rendimento dei bond italiani è sceso a solo circa l’1,57% dopo aver brevemente superato il 3% su base intraday sulla scia delle parole di Lagarde, portando lo spread con i bund a 290 punti base in chiusura.

Per una nazione già sotto pressione in quanto primo paese europeo ad aver affrontato la pandemia, gli italiani hanno reagito in modo netto, cominciando a mettere in dubbio l’appartenenza all’UE vista la poca solidarietà dimostrata. La BCE ha lanciato il Pandemic Emergency Purchase Programme con 750 miliardi di euro in parte per placare le autorità italiane, lasciando da parte i normali limiti sugli acquisti da parte di ogni paese per il nuovo strumento.

I dati pubblicati martedì hanno mostrato che la BCE ha speso 37,4 miliardi di euro in bond governativi italiani ad aprile e maggio nell’ambito del programma di emergenza, 8,1 miliardi in più di quanto sarebbe stato destinato al paese secondo il piano di sottoscrizione del capitale, cioè la sua partecipazione alla BCE in base a popolazione e PIL. In effetti, la BCE ora sta facendo esattamente quello che secondo Lagarde non rientrava tra le responsabilità della banca.

Inoltre, la BCE ha comprato quasi 14 miliardi di euro di bond italiani nell’ambito del Public Sector Purchase Programme negli ultimi due mesi.

Questo supporto da parte della BCE ha consentito all’Italia di vendere la cifra record di 22,3 miliardi di euro di bond a 5 anni  in quattro giorni al 21 maggio, con un’altra vendita di successo per 2,5 miliardi di euro il 29 maggio. Martedì, il Tesoro italiano ha annunciato di aver ordinato ad un consorzio di banche nuove emissioni sindacate di bond.

Allo stesso tempo, circa 82 miliardi di euro del fondo per la ripresa UE saranno destinati all’Italia, una cifra simile alla Spagna e meno agli altri paesi.

Tuttavia, questo piano vede l’opposizione di numerosi membri UE nonché membri del governo di coalizione tedesco. Di conseguenza, potrebbero volerci settimane di contrattazioni per approvare il programma e potrebbe subire delle modifiche (cioè essere ridotto) lungo il cammino.

Intanto, la corsa sulle montagne russe per il rendimento dei bond italiani e lo spread proseguirà. Dal momento che l’Italia non ha più una sua moneta, non può alleviare lo stress con una svalutazione come aveva fatto in passato.

Gli spread enormi tra i rendimenti dei bond governativi rappresentano una delle maggiori difficoltà nella crisi del debito sovrano UE, che ha raggiunto il picco tra il 2010 ed il 2012, portando ai drammatici salvataggi di Grecia, Irlanda, Portogallo, Spagna e Cipro gestiti dalla troika composta da Commissione Europea, BCE e Fondo Monetario Internazionale.

I funzionari UE, e persino i leader tedeschi, sembrano aver imparato una lezione da quella crisi. Tuttavia, resta da vedere se gli aiuti UE previsti saranno accompagnati da vincoli, anche se meno onerosi rispetto a quelli dei precedenti salvataggi.

Investing.com

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.