Dollaro e rischio in salita, spinti dalle ultime trovate di Trump

Dollaro e rischio in salita, spinti dalle ultime trovate di Trump

Kathy Lien  | 11.10.2019 10:56

Rassegna giornaliera sul mercato forex 10 ottobre 2019

Analisi realizzata alla chiusura del mercato statunitense a cura di Kathy Lien, Direttrice di FX Strategy per BK Asset Management.

È stata una settimana piena di alti e bassi per il mercato forex questa settimana, le valute hanno infatti reagito ad ogni notizia positiva o negativa. Ieri gli investitori hanno temuto che la delegazione cinese potesse decidere di ripartire dopo un solo giorno di negoziati. L’incertezza è così alta che gli osservatori dei mercati hanno praticamente guardato sotto la lente anche il linguaggio del corpo di ogni partecipante. Alla fine della seduta neworkese, il dollaro USA è ritornato a ruggire dopo che il presidente Trump ha scritto su Twitter che incontrerà “domani alla Casa Bianca il Vice Premier cinese”. Tuttavia, nello stesso tweet ha aggiunto, “Loro vogliono un accordo, ma lo voglio anche io”?

Con l’esito dei dialoghi commerciali ancora incerto, potremmo aspettarci i fuochi d’artificio nelle prossime 24 ore. Se il Presidente Trump accetterà l’accordo parziale con la Cina, il cambio USDJPY schizzerà verso il minimo di un mese a 108,50. Anche le altre principali valute potrebbero avere dei risvolti importanti: il cambio EUR/USD potrebbe toccare 1,1050 e la coppia AUD/USD potrebbe andare verso il livello di 0,6850. Se i negoziati dovessero fallire e la Cina dovesse partire senza alcun accordo, vedremo sgretolarsi i guadagni realizzati oggi soprattutto per il cambio USD/JPY e la coppia AUD/USD, che accuserebbero di più il colpo. Potrebbe non essere saggio scommettere sull’accordo, ma il fatto che Trump voglia incontrare il Vice Premier Liu He lascia ben sperare. In più, l’evento sicuramente distrarrà le agenzie di stampa dalla richiesta di impeachment.

Un accordo commerciale inoltre ridurrebbe le possibilità di un ulteriore allentamento da parte della Federal Reserve questo mese. L’ultima lettura dell’indice dei prezzi al consumo ha mostrato che la pressione dell’inflazione ha visto una stagnazione a settembre. La crescita dell’IPC è rimasta invariata su base mensile nonostante l’aumento degli alimentari ed energetici. I dati economici deboli hanno un impatto limitato sul dollaro questa settimana in quanto le previsioni sulla crescita globale incombono sui dialoghi commerciali.

Intanto, la sterlina è salita più del 2% contro il dollaro USA dopo che il Primo Ministro Johnson e il Premier irlandese Varadkar hanno dichiarato di “vedere una via” verso l’accordo sulla Brexit. Non sono stati forniti i dettagli ma Sky News ha riportato che la Gran Bretagna avrebbe proposto un accordo commerciale particolare. Ora la palla passa a Bruxelles dove il segretario per la Brexit Barclay incontrerà il Responsabile dei negoziati UE Barnier. Dubitiamo che l’UE possa trovare allettante un qualche tipo di accordo ma gli investitori si stanno aggrappando a qualsiasi speranza come dimostra la price action. Sicuramente il sentimento potrebbe cambiare velocemente se la Germania o l’UE dovessero mettere in dubbio l’accordo, dunque è sconsigliabile buttarsi in posizioni importanti prima di conoscere un esito certo.

Il cambio EUR/USD è salito a 1,10 per la prima volta in 2 settimane. Nonostante in Germania la bilancia commerciale abbia deluso le attese, la BCE ha dichiarato che diversi membri si sono opposti ad un Quantitative Easing considerato come l’ultima spiaggia. Tuttavia, con la principale economia della regione destinata alla recessione, dubitiamo che il rally del cambio EUR/USD possa durare. Gli investitori e la BCE sperano che il governo Tedesco possa supportare l’economia con lo stimolo fiscale, ma secondo le dichiarazioni del ministro delle finanze tedesco Scholz uno stimolo potrebbe non arrivare così facilmente.

Tutte e tre le valute legate alle materie prime sono salite trascinate dall’ottimismo, ma domani dovremo seguire il dollaro canadese. Sono attesi i dati sul mercato del lavoro e gli economisti prevedono un rallentamento importante della crescita commerciale. Secondo l’indice PMI IVEY le aziende canadesi hanno tagliato i posti di lavoro al ritmo più veloce dal 2016. Il cambio USD/CAD dovrebbe salire sulla scia del report, ma le previsioni sono basse, dunque la reazione del dollaro canadese dipenderà da quanto i mercati saranno sorpresi.

Kathy Lien

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Fabrizio Storni
Fabrizio Storni

Mi piace molto come spieghiFabrizio   ... (Leggi altro)

11.10.2019 20:48 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+