Facebook è un buy nel 2021?

Facebook è un buy nel 2021?

Investing.com  | 15.01.2021 14:06

Il nuovo anno non ha regalato un inizio promettente a Facebook (NASDAQ:FB). Il colosso dei social, nel mirino di numerose controversie, sta vedendo il suo titolo crollare man mano che il suo appeal di investimento diminuisce, dopo la robusta ripresa dal tonfo innescato dalla pandemia nel marzo scorso.

Il titolo di Facebook è crollato di oltre l’8% quest’anno, contrariamente ad altri mega-titoli tech. Ieri ha chiuso a 245,64 dollari, con un crollo di circa il 18,5% dal massimo di agosto.

 

Facebook Weekly Chart.

Grafico settimanale Facebook.

 

Il principale rischio che sta mantenendo gli investitori nelle retrovie è legato alle numerose azioni legali che sta affrontando la società. Facebook è stato citato in giudizio a dicembre dai funzionari antitrust statunitensi e da una coalizione di stati che vogliono dissolvere la società, dichiarando illecita la sua acquisizione di Instagram e WhatsApp. Questi accordi, secondo il governo, fanno parte di una campagna per distruggere illegalmente la concorrenza.

I casi rappresentano il più grande attacco degli enti regolatori contro Facebook nella storia della società. Fanno seguito all’azione legale del Dipartimento della Giustizia USA, ad ottobre, contro Alphabet (NASDAQ:GOOGL) (NASDAQ:GOOG).Insieme, le cause di Google e Facebook rappresentano le accuse di monopolio più grandi mosse negli Stati Uniti da quando il Dipartimento per la Giustizia aveva fatto causa a Microsoft (NASDAQ:MSFT) nel 1998, secondo Bloomberg. Al contrario dell’accusa di Google, quella di Facebook comprende un provvedimento giudiziario per sciogliere la società.

Oltre ai problemi normativi, la piattaforma si trova anche al centro del trambusto politico negli Stati Uniti, in seguito alla decisione di sospendere i profili del Presidente Donald Trump e dei suprematisti bianchi sulla scia dell’assalto a Capitol Hill la scorsa settimana. La decisione, seguita a ruota da altri colossi dei social, ha irritato milioni di sostenitori di Trump, che accusano l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg di essersi schierato in questa battaglia politica.

Secondo un’analisi del Wall Street Journal:

“I problemi hanno consumato Facebook per la maggior parte del governo Trump e probabilmente persisteranno nell’immediato futuro, dovendo affrontare le contrastanti critiche secondo cui, per alcuni, farebbe troppo poco per ridurre i contenuti problematici e, per altri, i suoi tentativi di moderazione sfiorano la censura”.

Cambiamento della politica di condivisione dei dati

Proprio nel bel mezzo di questa controversia, l’app di Facebook WhatsApp ha cominciato ad avvertire i suoi 2 miliardi di utenti la scorsa settimana che, se vorranno continuare ad utilizzare il popolare servizio di messaggistica, dovranno accettare nuovi termini riguardanti la sua politica di condivisione dati.

Fin dal 2016, WhatsApp condivide alcuni dati con Facebook. Ma gli utenti potevano scegliere di non farlo. A partire dall’8 febbraio, però, gli utenti dovranno accettare le nuove condizioni per poter continuare ad usare WhatsApp.

Secondo alcune notizie, il cambiamento ha innescato una raffica di download di app di messaggistica con più privacy, tra cui Signal e Telegram, con gli utenti che hanno cercato delle alternative a WhatsApp. Anche l’amministratore delegato di Tesla (NASDAQ:TSLA) Elon Musk ha consigliato ai suoi follower di usare Signal.

Signal ha registrato circa 7,5 milioni di installazioni in tutto il mondo tramite l’App Store di Apple (NASDAQ:AAPL) e Google Play Store tra il 6 ed il 10 gennaio, secondo CNBC.com, che riporta i dati di Sensor Tower. Si tratta di 43 volte il numero della settimana prima. È il numero più alto a livello settimanale e persino mensile nella storia di Signal. Intanto, Telegram ha visto 5,6 milioni di download in tutto il mondo tra mercoledì e domenica, secondo Apptopia.

Impatto sulle attività di Facebook

Per gli investitori a lungo termine, la questione principale è capire quanto possano essere dannose queste difficoltà per la società, che sta già vedendo un sostanziale rallentamento della crescita delle vendite durante la pandemia.

Molti analisti, che hanno studiato i recenti problemi regolatori, credono che il business model di FB sia abbastanza forte e che difficilmente queste questioni potranno danneggiare il suo potenziale di utili.

“Crediamo che il predominio di Facebook sui social, il robusto fossato competitivo e la focalizzazione sull’esperienza degli utenti la posizionino per diventare una società blue-chip duratura fatta per il lungo termine”, scrive in una recente nota l’analista di J.P. Morgan Doug Anmuth.

Anmuth, che ha un prezzo obiettivo di 330 dollari per Facebook, aggiunge:

“Facebook respira un’aria rarefatta grazie alla combinazione di portata, crescita e redditività, in quanto l’enorme portata della società ed il suo utilizzo continuano a spingere gli effetti di rete e le sue abilità di targeting offrono un valore significativo per gli inserzionisti”.

In una nota, l’analista di KeyBanc Capital Markets Justin Patterson ha spiegato che un potenziale scioglimento di FB potrebbe impiegare anni, considerate le complessità tecniche, aggiungendo:

“Al contrario, crediamo che probabilmente si risolverà con un’altra multa e con maggiori controlli sulle future fusioni ed acquisizioni”.

Patterson ha dato al titolo un rating “overweight”, con un prezzo obiettivo di 340 dollari.

Morale della favola

Dopo la recente debolezza, il multiplo di Facebook è diventato allettante e persino più basso di quello di altre società, come Walmart (NYSE:WMT) o Coca-Cola (NYSE:KO), suggerendo che buona parte del rischio normativo è già stato messo in conto nel titolo. Man mano che questo selloff accelererà, pensiamo che il titolo di FB diventerà un interessante buy per il 2021, dato il potente appeal inserzionistico della piattaforma ed il suo status nel duopolio sul mercato delle pubblicità digitali insieme a Google.

Investing.com

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Luca Joly
Luca Joly

hahahahahaha censuri anxora un po che va a 50.... hahahaha ahahah  ... (Leggi altro)

16.01.2021 22:30 GMT· Rispondi
Carlos Carlos
Carlos Carlos

è molto interessante e sicuramente avrà buoni risultati. nel 2021 completerà molti progetti in cantiere. in arrivo anche altre importanti acquisizioni!!  ... (Leggi altro)

16.01.2021 08:07 GMT· 1 · Rispondi
Dominic Cobb
Dominic Cobb

Credo proprio di no, molto difficile  ... (Leggi altro)

15.01.2021 17:22 GMT· Rispondi
Mario Mangolini
Mario Mangolini

Al. Momento mi. Sembra. Interessante  ... (Leggi altro)

15.01.2021 16:50 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.