Forex , grandi operatori sotto inchiesta

Forex , grandi operatori sotto inchiesta

Francesco Lamanna  | 27.11.2013 10:36

La notizia non è certamente dell’ultima ora ma è di quelle che creano un grande trambusto e sulla quale voglio qui tornare in quanto, a mio giudizio, non se n’è affatto parlato abbastanza.

Il fenomeno sotto indagine, è’ stato definito dallo stesso Dipartimento di Giustizia americano come:” The Bandits Club” e, secondo quanto reso noto dalle Autorità Americane, che hanno avviato una inchiesta internazionale la quale partendo da Londra , passa da New York, Hong Kong, Francoforte, Parigi e Zurigo, sembrerebbe esteso a livello internazionale.

Sembrerebbe infatti che sia stato costituito un vero e proprio “cartello” di operatori istituzionali, che avrebbe operato in combutta tra loro ed illegalmente, per controllare e pilotare il mercato dei cambi sulle valute .

Gli artefici di quella che, se confermata, si rivelerebbe come una fra le più grandi truffe mai perpetrate a danno dei normali clienti bancari o di altre piattaforme di trading, sfruttando il basso livello di regolamentazione del Forex e utilizzando per la propria operatività piattaforme private di trading quali Autobahn di Deutsche Bank o Velocity di Citygroup, che costituiscono di fatto “canali privati preferenziali” all’interno del mercato elettronico delle valute, avrebbero portato a termine operazioni deliberatamente atte a manipolare artificiosamente il valore di cambio delle valute (Forex) , per il loro profitto.

La notizia è dirompente anche perché andrebbe direttamente ad abbattere il mito secondo il quale il Forex sarebbe , per la sua stessa enorme portata economica, impossibile da manipolare, da parte di operatori privati.

Quanto affermato con precisione dalle autorità americane va esattamente in questa direzione: si accusa un gruppo di operatori finanziari di altissimo profilo ( fra i maggiori a livello mondiale) , di essersi costituiti in cartello al solo fine di manipolare il Forex; un mercato che, nella sua globalità, vale oltre 5 trilioni di dollari Usa al giorno .

Fra gli operatori di settore, che non fossero completamente ciechi, il sospetto era presente, in modo più o meno esplicito, da lungo tempo. Troppe le anomalie visibili sui grafici, troppe le differenze fra il “sentiment” generale e quanto avveniva sul mercato, troppi gli “spike” anomali.

Ora , con l’avvio ufficiale delle indagini , la conferma ai sospetti è ufficiale , si è infranto un vero e proprio tabù vigente fra la comunità degli operatori , sembra proprio che (anche) il Forex, nonostante le sue dimensioni, sia manipolabile e manipolato.

Fra gli indagati compaiono alcuni nomi delle maggiori banche fra i quali l’americana Citigroup, la tedesca Deutsche Bank, le anglosassoni Barclays e Royal Bank of Scotland, la svizzera Ubs.

L’inchiesta è nata come una diramazione di quella inerente lo scandalo Libor per il quale le stesse banche sono già state condannate a pesanti sanzioni economiche e le accuse avanzate ora dalle autorità in base agli elementi acquisiti, parlano di un accordo fra i traders di alcuni istituti bancari e/o grandi operatori di settore per “inondare” improvvisamente i mercati con ordini di acquisto o di vendita in determinati momenti concordati, tramite i quali ricavare enormi profitti per le banche,a scapito dei normali clienti.

Gli accordi fra i grandi traders, a quanto pare, venivano scambiati in chat (ora acquisite dagli inquirenti) dai nomi singolari ma significativi quali: “The Bandits Club”,(Il club dei banditi) “The dream team”(Il team dei sogni) o “The Cartel”(Il Cartello).

Le prove sarebbero costituite direttamente dai testi di alcune di queste chat , che i traders dipendenti di queste banche incautamente intrattenevano fra di loro, al fine di coordinare le loro operatività in danno degli altri partecipanti al mercato e degli stessi inconsapevoli clienti delle banche.

Diversi istituti , che sembra siano coinvolti, hanno temporaneamente sospeso l’attività lavorativa dei loro traders interni ed hanno inoltre dichiarato di aver fortemente limitato la loro possibilità di contatti esterni durante lo svolgimento dell’attività di trading.

Gli Istituti si sono dichiarati disponibili a collaborare con gli inquirenti , fra di essi compaiono, oltre a quelli già citati, i nomi di Bank of New York, Standard Chartered, Morgan Stanley, JP Morgan Chase , Goldman Sachs, e Credit Suisse .

Aspettiamo quindi ora il risultato delle indagini che potrebbero far deflagrare, vista l’entità delle operazioni , una vera e propria nuova bomba nell’ambiente finanziario.

Secondo Moody’s in un clima politico già sfavorevole verso gli istituti di credito dovuto ai precedenti scandali, se si incorresse in un altro scandalo di grandi proporzioni che portasse alla crisi di alcuni tra loro, si correrebbe il rischio di vederli andare in default, senza ricevere aiuti pubblici, da parte delle varie amministrazioni.

Francesco Lamanna

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Vincenzo Frascella
Vincenzo Frascella

Caro Francesco,si parla sempre dei soliti noti  ... (Leggi altro)

26.03.2017 12:58 GMT· Rispondi
flavio firmino salomone
flavio firmino salomone

se ve lo eravate perso rivedetevi qesto film :Wall Street - Il denaro non dorme mai (Wall Street: Money Never Sleeps) è un film del 2010 diretto da Oliver Stone e interpretato da Michael Douglas e Shia LaBeouf  ... (Leggi altro)

28.11.2013 09:09 GMT· Rispondi
Pinco Pallino
Pinco Pallino

Lo sapevo! Troppi movimenti anomali! Uscivano le notizie e il mercato andava al contrario! Movimenti rialzisti-ribassisti fino all'esasperazione su certe valute senza alcun senso! LADRI! Maledetti ladri!!  ... (Leggi altro)

28.11.2013 07:24 GMT· Rispondi
Gregorio Magno
Gregorio Magno

Abbia pazienza egr. Dr. Lamanna, specifichi che la sospensione dei traders da parte di Barklays è avvenuta in data antecedente il 29 ottobre u.s. Perché leggendo i commenti si capisce che i lettori lo recepiscono di attualità, quando invece non lo è.  ... (Leggi altro)

27.11.2013 15:47 GMT· 4 · Rispondi
Carlo Rasi
Carlo Rasi

Sempre spunti molto interessanti, grazie e complimenti Francesco!  ... (Leggi altro)

27.11.2013 15:30 GMT· 1 · Rispondi
el Satàn
el Satàn

questo da molto lo so e lo deploro. Di certo non lo ignoro. Ogni volta che hai parlato so che è stato dopo aver studiato. La mia stima verso di te non se ne sarà andata anche dopo una stonata. Nella room di bandit i ragazzi hanno fatto un po' i pazzi. Le loro banche li han sospesi e son rimasti i nervi tesi. Mi resta sol ora di riscontrare con lealtà che tu hai capito con dignità  ... (Leggi altro)

27.11.2013 09:14 GMT· 1 · Rispondi
Sergio Boschini
Sergio Boschini

vorrei ribadire quello scritto ieri nell'altro articolo di Lamanna, se tutte le vostre analisi i ragionamenti, le news e quant'altro c'è per definire una strategia vi porta ad un ingresso long e il prezzo va short non stupitevi non avete sbagliato la vostra analisi, è solo che non facciamo parte di chi "decide" dove va il prezzo.. sempre buon trading a tutti   ... (Leggi altro)

27.11.2013 08:48 GMT· 1 · Rispondi
flavio firmino salomone
flavio firmino salomone

il tutto si ricollega all'altro intervento dove si diceva che il 90% e' istituzionale e il restante 10% al parco buoi o chi per esse . vedremo i sviluppi delle indagini sperando che non finiscano sotto un bel tappeto.ottimo intervento come sempre..  ... (Leggi altro)

27.11.2013 08:33 GMT· 3 · Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.