Il dollaro USA scende al minimo di 2 anni e mezzo, 6 fattori da seguire

Il dollaro USA scende al minimo di 2 anni e mezzo, 6 fattori da seguire

Kathy Lien  | 01.12.2020 07:58

Rassegna giornaliera sul mercato forex, 30 novembre 2020

Analisi realizzata alla chiusura del mercato statunitense a cura di Kathy Lien, Direttrice di FX Strategy per BK Asset Management

L’indice del dollaro USA è crollato al minimo di due anni e mezzo lunedì, in quanto gli investitori temono l’aumento dei contagi, i nuovi lockdown, le spese natalizie e la Federal Reserve. Con i nuovi casi che hanno superato i 4 milioni a novembre, le vendite presso i punti vendita fisici durante il Black Friday sono scese del 52%. Le spese online sono andate bene, in salita del 22% dall’anno precedente, ma questo aumento e le promozioni di questo ultimo mese potrebbero non bastare a salvare i commercianti che hanno accusato il duro colpo della pandemia di questo 2020.  

I dati USA più deboli hanno contribuito al ribasso, ma questa mossa si stava creando da mesi. Poco dopo l’inizio della pandemia il biglietto verde ha visto un picco e alla fine di maggio ha iniziato un calo che ha portato l’indice da 100 a meno di 92 quest’oggi. I tassi di interesse ridotti, i deficit di bilancio e conto corrente hanno reso il dollaro un investimento non attraente. Nelle ultime settimane, l’impennata dei casi di virus e la risposta dei governatori nelle limitazioni alle attività sociali e commerciali hanno alimentato i timori sulla prova che gli americani e le loro imprese dovranno affrontare prima che venga distribuito un vaccino e cambino le cose.

Mentre l’attività manifatturiera più debole nelle aree di Chicago e Dallas e i dati sulle vendite di case in corso hanno contribuito al calo del dollaro, gli investitori guardano con apprensione al resto della settimana. Nei prossimi giorni si vedrà l’effetto dei festeggiamenti per il Ringraziamento sui contagi (gli esperti si aspettano un grande aumento tra martedì e venerdì). Il Presidente della Federal Reserve Jerome Powell testimonierà davanti al Congresso sulla politica economica e monetaria. C’è una buona probabilità che sarà cauto sul Libro Beige, che sarà rilasciato mercoledì e che mostrerà un rallentamento dell’attività economica. La fine dell’anno si avvicina e gli investitori saranno più tentati a bloccare  i profitti dopo i record del 2020, soprattutto viste le recenti incertezze. Non è una coincidenza che il Dow Jones Industrial Average è sceso di oltre 300 punti oggi. Ulteriori perdite sono probabili questa settimana e se i ribassi saranno significativi il dollaro potrebbe scendere ulteriormente.

La testimonianza di Powell è uno dei tanti eventi di questa settimana che potrebbero influire sui mercati:

  1. Vertice della Reserve Bank of Australia
  2. PIL 3° trimestre in Australia
  3. PIL 3° trimestre in Canada
  4. IPC zona euro
  5. Occupazione non agricola USA
  6. Report sulla disoccupazione in Canada

Il Libro Beige della Fed, i dati ISM manifatturiero e non manifatturiero, le vendite al dettaglio australiane e i dati commerciali della Nuova Zelanda saranno anch’essi dati importanti, dunque non possiamo escludere grandi spostamenti in molte valute. 

Il dollaro australiano è sceso bruscamente in vista del vertice della RBA sebbene non siano previsti interventi dalla banca centrale. Nonostante il governo abbia fatto un ottimo lavoro per contrastare la seconda ondata pandemica, le tensioni commerciali con la Cina rappresentano un rischio per l’economia. Detto ciò, di prevede che i report sul PIL mostreranno il terzo trimestre come un periodo di ripresa per le economie di Australia e Canada.   

Si prevede un IPC della zona euro al ribasso, che confermi la necessità di un intervento nella prossima settimana. I dati sul mercato del lavoro canadese e statunitense saranno delle importanti  variabili: si prevede un rallentamento della crescita dell’occupazione negli USA, ma se i dati dovessero essere positivi, allora assisteremo ad una ripresa del dollaro. In Canada si prevede una crescita occupazionale debole dopo i rialzi di ottobre.

Kathy Lien

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.