Il greggio WTI potrebbe stabilirsi al di sotto di $ 48 a barile

Il greggio WTI potrebbe stabilirsi al di sotto di $ 48 a barile

Ipek Ozkardeskaya  | 14.02.2020 13:30

Il greggio West Texas Intermediate WTI ha perso fino al 25% dal suo picco di gennaio come conseguenza della preoccupazione che l'epidemia coronavirus significherebbe un duro colpo per la domanda cinese. Si dice che il rallentamento dell'attività cinese potrebbe ridurre la domanda globale di quasi il 20%, tenendo conto che la Cina è responsabile di circa il 15% della crescita globale.

Nel tentativo di ridurre l'impatto di questa caduta improvvisa e brusca della domanda, i paesi OPEC e i loro alleati (OPEC+) si sono riuniti a Vienna la scorsa settimana per discutere se devono tagliare la produzione per abbinarla al crollo della domanda cinese. Mentre gli investitori speravano in un taglio di 0,5-1.000.000 di barili al giorno nell’offerta dell’OPEC+, la Russia ha posto il veto inaspettatamente a tale misura.

Dopo aver perso il sostegno dell’OPEC+, il greggio WTI è stato scambiato al di sotto di $ 50 a barile, e dopo si è recuperato.

Se la Russia ha preferito aspettare e vedere il vero impatto del coronavirus sulla domanda prima di prendere ulteriori provvedimenti, non aveva tutti i torti.

Infatti, la quota di mercato dell'OPEC è scesa al minimo storico del 35% negli ultimi anni, il che significa che il consorzio ha perso una parte del suo potere di controllo sulla fornitura globale.

Più bassa la quota di mercato, minore l'impatto del volume ridotto sul prezzo. Così comprensibilmente, un ulteriore taglio alla produzione dovrebbe essere pensato a fondo. Se l'aumento del prezzo che risulta dalla minore produzione non compensa i redditi persi a causa dei minori volumi, allora un taglio dell’OPEC+ gioverebbe solo ai paesi non OPEC.
Inoltre, se il mercato pensa che i nuovi tagli alla produzione sono temporanei, l'impatto sui prezzi sarebbe ancora minore. Abbiamo visto durante lo shock dell’offerta libica all'inizio dell'anno che la reazione del mercato è rimasta molto contenuta in quanto gli investitori sapevano che la produzione sarebbe stata restaurata in modo rapido e l'impatto sulla situazione complessiva sarebbe stato marginale, soprattutto in considerazione che il mercato viene fornito con una grande quantità di petrolio.

Ma, se l'OPEC+ ha lasciato gli investitori con il desiderio di più misure nel corso della riunione della scorsa settimana, l'aspettativa è che, in ogni caso, l'OPEC+ abbasserà la produzione nella riunione programmata di marzo.

L’Energy Information Administration degli Stati Uniti (EIA) prevede che l’OPEC+ taglierà la produzione di 0,5 milioni di barili al giorno a partire da marzo e fino a maggio. La produzione di petrolio giornaliera sarebbe di 28,9 milioni di barili al giorno in media. Si tratta di 0,3 milioni di barili al giorno in meno rispetto alla loro precedente previsione.

Quanto significativo è questo numero?

L'Agenzia Internazionale per l'Energia (IEA) ha detto che l'epidemia del coronavirus potrebbe tradursi in una caduta di 435.000 barili al giorno nella domanda di questo trimestre, contro l'aspettativa precedente che avrebbe aumentato di 800.000 barili. Di conseguenza, una diminuzione di 0,5 milioni di barili nella produzione dell’OPEC+ potrebbe essere marginale e probabilmente insufficiente per porre un freno alla caduta dei prezzi del greggio WTI, in particolare tenendo conto che la produzione in tutto il mondo è più di 80 milioni di barili al giorno. Pertanto, riteniamo che i prezzi del petrolio siano pronti per una caduta nelle prossime settimane e mesi.

Dal punto di vista tecnico, il greggio WTI rimarrà nella zona di consolidamento ribassista di medio termine al di sotto di $ 55 a barile, la media mobile di 200 settimane e il ritracciamento di Fibonacci principale del 38,2% sulla svendita di gennaio-febbraio. Sotto questo livello, rimaniamo venditori sul rimbalzo dei prezzi e aspettiamo una battuta d'arresto più profonda alla zona di $ 48- $ 45. Non ci aspettiamo un movimento al di sotto di $ 45 a barile, a meno che la crisi del coronavirus diventi più severa.

Secondo la Deutsche Bank (DE:DBKGn), il prezzo di un barile necessità di rimanere al di sotto del livello di $ 48 per i almeno diversi mesi per limitare significativamente le attività di perforazione in tutto il mondo. Questo è l'unico modo per ridurre la sovrabbondanza globale dato che la domanda di petrolio non è sufficientemente sensibile alle variazioni di prezzo.

Ipek Ozkardeskaya

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
PortaPazienza
PortaPazienza

sicuramente  ... (Leggi altro)

16.02.2020 21:16 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.