La minaccia di dazi di Trump continua a pesare sul comparto auto europeo

La minaccia di dazi di Trump continua a pesare sul comparto auto europeo

Investing.com Italia  | 25.03.2019 16:17

I titoli delle case automobilistiche europee potrebbero scendere ulteriormente mentre il Presidente USA Donald Trump si chiede se applicare o meno i dazi che penalizzano le vendite negli USA; il comparto è già colpito dai cali registrati in Europa e Cina e dalla gara nello sviluppo di veicoli elettrici e senza guidatore.

Trump ha tempo fino a metà maggio per valutare l’indagine del Segretario al Commercio Wilbur Ross e decidere se i veicoli importati negli USA costituiscano o meno una minaccia alla sicurezza nazionale. Ross ha consegnato il suo report il mese scorso. Trump avrà a disposizione ulteriori 15 giorni qualora dovesse decidere di implementare delle misure protettive.

SXAP Weekly TTM

L’indice Stoxx 600 Automobiles & Parts (SXAP), ha perso il 22% nell’ultimo anno a causa della pressione che interessa il settore dell’auto in tutto il mondo. Ha guadagnato l’11% dall’inizio dell’anno nell’ottimismo verso i negoziati di Trump con la Cina.

“Tutta la questione dei dazi non è scontata” ha dichiarato Giorgio Vintani, partner e portfolio manager di Canara Capital Partners, durante un’intervista rilasciata il 19 marzo. “Si tratta di una decisione politica ed è imprevedibile”.

Volkswagen Weekly TTM

I titoli Volkswagen (OTC:VWAGY), (DE:VOWG_p) hanno perso il 7,7% nell’ultimo anno; i titoli BMW (OTC:BMWYY) (DE:BMWG) sono crollati del 16% nello stesso periodo.

Peugeot Weekly TTM

I titoli di Peugeot SA (OTC:PUGOY), (PA:PEUP), che produce anche Citroen, sono saliti del 18% dalla fine del 2018.

“Il mercato sta cercando di dirci che non c’è fretta di tornare su questi titoli”, ha dichiarato Vintani. “Si dovrebbe avere un’avversione al rischio” ha affermato, aggiungendo di non avere posizioni nel comparto dell’auto. “Aspetto di vedere se le condizioni miglioreranno”.

Visto che gli USA sono la destinazione numero 1 per le auto costruite nell’Unione Europea - vale a dire il “29% dell’export totale dell’UE” secondo i dati della European Automobile Manufacturers Association (ACEA) – l’aumento dei dazi sarebbe un brutto colpo. Uno dei temi principali su cui si fonda la presidenza di Trump è quello di dare una spinta al settore manifatturiero americano. Lo scorso anno un quarto delle auto statunitensi importate venivano dall’UE, secondo i dati ACEA.

Un particolare spunto per Trump, che ricorre spesso nei suoi tweet, è il confronto con la Germania in termini di importazioni ed esportazioni di automobili. Nel 2018 la Germania ha venduto 18,65 miliardi di dollari di autovetture negli USA, mentre la Germania ha acquistato solo 5,8 miliardi di dollari di vetture americane, con un gap di 12,81 miliardi, secondo i dati ACEA.

Le case automobilistiche tedesche sarebbero le più colpite dai discutibili e penalizzanti dazi USA sulle importazioni. In base alla quota di mercato USA riferito al numero di auto vendute lo scorso anno (dati disponibili sui loro siti internet), i marchi BMW e Daimler's (OTC:DMLRY), (DE:DAIGn) Mercedes-Benz brand sarebbero quelli più colpiti.

Nel 2018 le vendite di BMW hanno rappresentato il 14,3% delle vendite mondiali totali. Per Mercedes-Benz le vendite dello scorso anno verso gli USA sono state il 13,7% di quelle mondiali; per Volkswagen, la maggiore casa automobilistica mondiale , le vendite di auto verso gli USA hanno rappresentato il 5,6% del totale.

Se Trump dovesse applicare dei dazi aggiuntivi del 25%, le esportazioni di auto tedesche verso gli USA potrebbero crollare del 50% nel lungo termine, secondo gli esperti dell’Istituti Ifo tedesco. Questi dazi ridurrebbero le esportazioni tedesche del 7,7%, o di 18,4 miliardi di euro ($20,9 miliardi di dollari), ha previsto l’Ifo a febbraio.

Attualmente, le francesi Renault (PA:RENA) e PSA, il gruppo Peugeot Group, non vendono auto negli USA. Ma le cose potrebbero cambiare. PSA intende incrementare del 50% le vendite al di fuori dell’Europa entro il 2021. Carlos Tavares, direttore esecutivo di PSA, ha dichiarato a febbraio che l’azienda starebbe valutando il reingresso degli USA nel marchio Peugeot, ma per prendere la decisione si attende l’esito delle trattative sui dazi.

La possibilità dei dazi statunitensi si aggiunge alle preoccupazioni che già hanno le case automobilistiche europee. Tuttavia, forse il fattore principale dietro la performance deludente delle azioni è il rallentamento nei mercati interni. Questo mese la BCE ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita per il 2019 all’1,1% dal precedente 1,7%.

BMW Weekly TTM

L’ultima casa automobilistica a lanciare l’allarme è stata BMW questa settimana, che ha dichiarato di prevedere un calo dei profitti al netto delle tasse di almeno il 10% quest’anno. Inoltre ha reso noto l’avvio di un programma da 12 miliardi di euro per contrastare gli effetti dei timori commerciali e del passaggio alle auto elettriche.

Considerando che il settore auto è un settore ciclico, un miglioramento dell’economia potrebbe sostenerlo. Gli investitori potrebbero essere tentati da questi livelli e “prendere una posizione pensando che le aziende possano superare un impatto del genere”, ha dichiarato Vintani. Tuttavia, ha aggiunto, tra i settori ciclici, i titoli negli USA offrono possibilità di investimento migliori.

Investing.com Italia

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.

';