Le cifre importanti da osservare nel report del 1° trimestre 2018 di Netflix oggi

Le cifre importanti da osservare nel report del 1° trimestre 2018 di Netflix oggi

Haris Anwer/Investing.com  | 16.04.2018 23:05

  • Risultati attesi lunedì 16 aprile dopo la chiusura
  • Previsioni sulle entrate: 3,69 miliardi di dollari
  • Utili per azione: 0,64 dollari

Il colosso dei video in streaming Netflix (NASDAQ:NFLX) non può permettersi errori quando pubblicherà il report sugli utili del primo trimestre 2018 questo lunedì, 16 aprile.

NFLX Weekly 2015-2018

Il titolo ha aggiunto più di 50 miliardi di dollari di valore di mercato nel 2018 ed è stato scambiato al di sopra delle previsioni medie di prezzo degli analisti per la maggior parte degli ultimi tre mesi, tra le aspettative che la compagnia continui ad attirare altri abbonati, sebbene non si ci sia un vero rivale che possa sfidare il suo dominio sul mercato dei video-on-demand.

Pensiamo che Netflix sia ben posizionato per proseguire la sua eccellente traiettoria di crescita. Grazie al suo programma di spesa aggressivo per creare nuovi contenuti e per commercializzarli in modo innovativo, Netflix si ritrova in un’ottima posizione per aggiungere abbonati sia negli Stati Uniti che a livello globale.

Netflix: 2017 Non-Sports Programming Spend

Netflix ha speso 6,3 miliardi di dollari per contenuti originali ed acquisiti nel 2017, secondo l’agenzia di ricerca MoffettNathanson. Per Recode, è una spesa di gran lunga maggiore rispetto a quella delle altre compagnie di streaming. E colloca Netflix poco al di sotto di compagnie di media tradizionali come Time Warner (NYSE:TWX), Fox (NASDAQ:FOX) e Disney (NYSE:DIS), per quanto riguarda le spese per programmazioni non sportive.

La spesa aggressiva operata dalla compagnia per contenuti originali e marketing implica che non riuscirà ad avere dei flussi di cassa liberi per i prossimi anni. Ma la tolleranza degli investitori nei confronti dei soldi spesi da Netflix è piuttosto alta, almeno fin quando l’Amministratore Delegato Reed Hastings riuscirà ad ottenere altre collaborazioni.

Le compagnie di media, sia per quanto riguarda la produzione che la distribuzione di contenuti, si stanno rendendo conto di non avere altra scelta se non quella di unirsi a Netflix. Comcast (NASDAQ:CMCSA), ad esempio, la scorsa settimana ha annunciato che aggiungerà Netflix ai suoi pacchetti di abbonamento in tutto il paese, offrendo ai clienti la possibilità di pagare il servizio Netflix direttamente dal suo pacchetto.

Si tratta di una grande vittoria per Netflix, che potrebbe usare la piattaforma di Comcast per spingere la crescita degli abbonati sul mercato statunitense. Ed è una mossa particolarmente provvidenziale: gli abbonamenti USA sembrano aver raggiunto il picco, rendendo nervosi alcuni investitori.

Ma il principale fattore di crescita per Netflix è rappresentato dalla forza delle sue operazioni internazionali. Riteniamo che il persistere dello slancio di Netflix sui mercati internazionali sia importante per la sua alta quotazione. Costituisce inoltre il principale catalizzatore per far sì che il prezzo del titolo salga ancora.

Wall Street prevede un aumento di 1,45 milioni di abbonamenti negli Stati Uniti e di 5 milioni a livello globale. La compagnia se ne aspetta invece rispettivamente 1,45 milioni e 4,9 milioni.

Cercate una cifra di quasi 6 milioni di abbonamenti a livello globale. Questa cifra sarebbe sufficiente per scatenare un’altra impennata, portando il prezzo delle azioni di Netflix vicino a 350 dollari, con un rimbalzo del 12% rispetto alla chiusura di venerdì di 311,65.

Haris Anwer/Investing.com

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Fusion Media non accetta responsabilità per perdite o danni risultanti dall’uso delle informazioni quali quotazioni, grafici, segnali di buy/sell presenti nel sito. Si prega di informarsi correttamente circa i rischi e i costi associati al trading relativo ai mercati finanziari, uno degli investimenti considerati a maggior rischio. Il trading a margine sulle valute presenta alti rischi e non è adatto a tutti gli investitori. Il trading o gli investimenti in criptovalute porta potenziali rischi. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e possono essere condizionati da fattori esterni di tipo finanziari, regolatori e legati agli eventi politici. Le criptovalute non sono adatte a tutti gli investitori. Prima di iniziare a fare trading su borse estere, con criptovalute o con altri strumenti finanziari, è consigliabile considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e l’attitudine al rischio.
Fusion Media avvisa che i dati contenuti in questa pagina non sono necessariamente in tempo reale o del tutto accurati. Tutti i prezzi relativi a CFD (azioni, indici, future), valute e criptovalute non sono forniti dalle borse ufficiali ma dai market mover e i prezzi possono differire dai prezzi di mercato in quanto indicativi e non adatti a scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non assume alcuna responsabilità per eventuali perdite subìte come risultato dell’uso di questi dati.
Fusion Media può ricevere dei guadagni dagli inserzionisti che appaiono nella pagina web, basandosi sulle interazioni degli utenti con la pubblicità.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+