L’EIA dovrebbe adattare i metodi sui dati del greggio a standard del XXI secolo?

L’EIA dovrebbe adattare i metodi sui dati del greggio a standard del XXI secolo?

Investing.com  | 08.11.2019 16:33

Una settimana fa, avevo scritto a difesa dei dati sulle scorte e la domanda di greggio USA pubblicati dalla Energy Information Administration ogni mercoledì.

Parlavo in particolare della stima sulla produzione contenuta nel report sulla situazione del petrolio settimanale dell’EIA. Sebbene il dato sia ufficialmente una congettura, viene pubblicato dal depositario dei dati più trasparenti ed accurati del mondo sulla produzione e sulle scorte di greggio. Senza altri dati concorrenti o altrettanto autorevoli di questo tipo, il mercato deve accettarli come veri, avevo detto.

Per sostenere la mia tesi, mi sono basato su una ricerca di Keith Schaefer, di Oil & Gas Investments. Secondo lui la stima sulla produzione settimanale viene quasi sempre convalidata dal report mensile sulle scorte petrolifere dell’EIA. Per verificarlo, ho fatto io stesso i conti ed ho scoperto una corrispondenza perfetta tra il report mensile di luglio e le stime sulla produzione calcolate dall’EIA. Il caso è chiuso, avevo detto.

Ma questo prima che fosse pubblicata un’altra analisi sulla questione questa settimana da parte di Phil Flynn di Price Futures Group.

Prima di andare avanti, è necessario notare che Flynn è un analista con una posizione rialzista nei confronti del prezzo del greggio, che ha suggerito in numerose occasioni che la metodologia dell’EIA nel calcolo della produzione settimanale è piuttosto sospetta.

Dopo che il report dell’EIA per la settimana terminata il 18 ottobre ha riportato lo stesso massimo storico di 12,6 milioni di barili prodotti al giorno per la terza settimana consecutiva (continua a non essere cambiato per la quinta settimana di fila, ora), Flynn si è chiesto da dove l’agenzia stesse prendendo queste cifre. La sua tesi è semplice: il numero di impianti di trivellazione USA attivi sta crollando drasticamente, raggiungendo i minimi dell’aprile 2017, e tuttavia l’EIA pubblica stime di una produzione ai massimi storici.

“Ignoranti? O con un piano in mente?”

Questa settimana, la tesi di Flynn è persino più esplosiva: non si limita a mettere in questione la stima sulla produzione dell’EIA, ma prende di mira anche la sua bilancia sulle scorte di greggio, il santo Graal del report sulla situazione del petrolio settimanale.

Flynn chiede all’EIA o a chi crede ai suoi dati: “Siete ignoranti o avete in mente un piano?”

U.S. Crude Inventories Chart

Investing.com

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+