Listini Europa in rosso, Milano testa ultimo supporto

Listini Europa in rosso, Milano testa ultimo supporto

Investing.com  | 13.02.2018 14:46

Investing.com – Negativa, nella seduta odierna, la performance della quotazione del contratto future sull’indice milanese.

La quotazione del contratto Future FTSE MIB con scadenza a marzo 2018, si trova al momento a 22150 punti, in perdita del +-0.79%, rispetto alla seduta precedente.

Oggi sono in terreno negativo anche le performance dei principali listini europei che vedono segnare, in questo momento, Amsterdam (-0.19%), Parigi (-0.08 %), Francoforte (-0.12 %), Euro Stoxx 50 -0.42 %), Londra +0.28 %), Madrid (-0.72%), Zurigo (-0.12%).

La tendenza generale odierna è ribassista, e la scarsa forza del nostro FTSE MIB, si conferma. La seduta odierna vede un nuovo down che porta la quotazione ad un test dell’ultimo supporto di fase, violato il quale si aprirebbero le porte ad nuovo affondo con raggiungimento di un nuovo minimo. Per il momento, il supporto posto a 22080 punti circa ha retto, ma il setup appare ancora piuttosto fragile. Se tuttavia il mercato trovasse la forza per imprimere una spinta rialzista che riuscisse a riportare la quotazione stabilmente oltre il livello di 22250 punti, allora si potrebbero riaccendere le speranze dei tori, per un successivo allungo verso il livello di 22575 punti. Siamo quindi attualmente in “zona d’ombra” in attesa di nuovo impulso che detti la direzione per il breve periodo. Il primo e più importante livello “spartiacque” è al momento il livello di 22250 punti. L’attività che si presenta come la più adatta, in questo frangente, è quella tipica del “mordi e fuggi” con operazioni limitate nei tempi e negli obiettivi. I titoli bancari, sono oggi in maggioranza negativi, pesando sull’andamento dell’intero listino. Si mantiene rialzista, oggi, il cambio EUR/USD che quota, al momento, 1.2333 in aumento del +0.25%.

Sono oggi inferiori alla media del periodo, i volumi di scambio, che si attestano su 598.970.295 azioni per un controvalore di 1.189.874.921 euro.

Fra i bancari, Il titolo peggiore è al momento Banca MPS (MI:BMPS), con una performance del -4.74%.

Per adesso, fra i titoli peggiori del FTSE MIB troviamo Banca Generali (MI:GASI) (-3.88%), UBI (MI:UBI) (-2.56%), Buzzi Unicem (MI:BZU) (-1.96%), e Unicredit (MI:CRDI) (-1.92%).

Fra i migliori della seduta ci sono al momento: Recordati (MI:RECI) (+0.60%), Finecobank (MI:FBK) (+0.45%), Ferrari (MI:RACE) (+0.44%) e Mediobanca (MI:MDBI) (+0.37%).

Nel calendario economico odierno, fra le maggiori notizie troviamo: IPC annuale in Gran Bretagna.

Future FTSE MIB, grafico su tf giornaliero

Investing.com

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Fusion Media non accetta responsabilità per perdite o danni risultanti dall’uso delle informazioni quali quotazioni, grafici, segnali di buy/sell presenti nel sito. Si prega di informarsi correttamente circa i rischi e i costi associati al trading relativo ai mercati finanziari, uno degli investimenti considerati a maggior rischio. Il trading a margine sulle valute presenta alti rischi e non è adatto a tutti gli investitori. Il trading o gli investimenti in criptovalute porta potenziali rischi. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e possono essere condizionati da fattori esterni di tipo finanziari, regolatori e legati agli eventi politici. Le criptovalute non sono adatte a tutti gli investitori. Prima di iniziare a fare trading su borse estere, con criptovalute o con altri strumenti finanziari, è consigliabile considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e l’attitudine al rischio.
Fusion Media avvisa che i dati contenuti in questa pagina non sono necessariamente in tempo reale o del tutto accurati. Tutti i prezzi relativi a CFD (azioni, indici, future), valute e criptovalute non sono forniti dalle borse ufficiali ma dai market mover e i prezzi possono differire dai prezzi di mercato in quanto indicativi e non adatti a scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non assume alcuna responsabilità per eventuali perdite subìte come risultato dell’uso di questi dati.
Fusion Media può ricevere dei guadagni dagli inserzionisti che appaiono nella pagina web, basandosi sulle interazioni degli utenti con la pubblicità.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+