I tassi bassi potrebbero far scendere ancora di più i titoli bancari

I tassi bassi potrebbero far scendere ancora di più i titoli bancari

Michael Kramer  | 16.10.2020 15:33

Questo articolo è stato scritto in esclusiva per Investing.com

Dalla metà di giugno, le banche sono state scambiate lateralmente e questo trend difficilmente cambierà nell’immediato futuro. Con i tassi di inflazione in calo e la promessa della Fed di mantenere i tassi di interesse bassi nei prossimi anni, sembra proprio che le banche potranno trovarsi in difficoltà. Il contesto dei tassi di interesse bassi probabilmente limiterà la capacità delle banche di generare entrate extra da proventi netti da interessi.

Insieme a risultati trimestrali e previsioni, che sembrano misti, titoli azionari come Wells Fargo, Bank of America e Citigroup sono crollati. Persino JPMorgan ha notato che i proventi netti da interessi saranno sotto pressione nel 2021. Ciò potrebbe far crollare i titoli ancora di più nelle prossime settimane, in base all’analisi tecnica.

I tassi di interesse sono a livelli storicamente bassi. La Fed ha sottolineato nelle sue ultime proiezioni che i tassi dei fondi federali resteranno vicino allo zero fino al 2023. E questo farà sì che sia sempre più difficile per le banche far aumentare i proventi netti da interessi. Un’area in cui le banche potrebbero ottenere vantaggi è l’eventualità che gli spread dei tassi di interesse salgano e scendano. Tuttavia, anche JPMorgan ha notato nella sua conference call che i proventi netti da interessi probabilmente scenderanno a circa 53 miliardi di dollari nel 2021, dai circa 55 miliardi di quest’anno. Intanto, Wells Fargo ha registrato un calo dei proventi netti da interessi nel terzo trimestre pari al 19% su base annua.

Wells Fargo

Wells Fargo (NYSE:WFC) si trova sul punto di registrare un tonfo se non dovesse riuscire a mantenere il supporto tecnico di circa 22,50 dollari. Al momento, il titolo è scambiato al minimo da marzo. Se dovesse scendere sotto il supporto di 22,50 dollari, potrebbe crollare a quasi 16,00 dollari.

Wells Fargo Weekly

Grafico settimanale Wells Fargo

JPMorgan

Intanto, anche JPMorgan Chase & Co (NYSE:JPM) fatica ad avanzare, ma è andato meglio di Wells Fargo. Tuttavia, il titolo ha avuto difficoltà a superare la resistenza intorno a 104 dollari. Se non dovesse riuscire a salire sopra 104 dollari, potrebbe andare incontro a perdite peggiori, in quanto sarebbe la terza volta che fallisce a questo livello, con una mossa giù a 91,50 dollari.

JP Morgan Daily

Grafico giornaliero JP Morgan

Citigroup

Anche Citigroup Inc (NYSE:C) ha evidenziato che i proventi netti da interessi scenderanno nel quarto trimestre, compensati in parte dai ricavi non da interessi. Intanto, anche il suo titolo è in difficoltà. Si sta aggrappando ad un livello di supporto tecnico intorno a 42,30 dollari. Un calo sotto il supporto porterebbe le azioni giù a circa 39,25 dollari.

Citigroup Daily

Grafico giornaliero Citigroup

Bank of America

Infine, Bank of America Corp (NYSE:BAC) non sembra essere in forma migliore, con il titolo che fatica al di sotto della resistenza a 26,25 dollari. Come gli altri, affronterà perdite peggiori se non riuscirà a stabilizzarsi e a restare sopra il supporto a 23 dollari. Un calo sotto questo prezzo di supporto potrebbe far scendere il titolo a circa 21,30 dollari.

Bank Of America Daily

Grafico giornaliero Bank Of America

Potrebbe volerci un po’ prima che il gruppo torni in vita, in quanto le recenti difficoltà economiche legate alla pandemia di coronavirus stanno limitando la crescita economica. Con la ripresa ancora in corso, non è chiaro quando il mercato comincerà a favorire di nuovo questo gruppo.

Nel complesso, in assenza di una ripresa di ricavi ed utili, le banche potrebbero trarre vantaggio solo dall’eventualità che gli investitori comincino a concentrarsi sul futuro delle attività, dando ai titoli multipli più alti. Dopotutto, il resto del mercato azionario ha visto una straordinaria quantità di espansione dei multipli nel 2020, quindi perché non dovrebbe toccare anche alle banche?

 

Michael Kramer

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Enea Ferrauto
Enea Ferrauto

di ha di  ... (Leggi altro)

17.10.2020 12:33 GMT· Rispondi
Stefano Casali
Stefano Casali

questo lo poteva scrivere anche mio figlio che ha finito adesso la 5 liceo   ... (Leggi altro)

16.10.2020 16:55 GMT· Rispondi
EDOARDO MARTIGNONI
EDOARDO MARTIGNONI

Il Fintech le spazzera’ via in 10 anni  ... (Leggi altro)

16.10.2020 14:02 GMT· 1 · Rispondi
Roberto Marco
Roberto Marco

beh possiamo dire che con tassi bassi fed e bce non sono al servizio delle banche? perché poi una banca deve vivere solo di interessi sui prestiti? le banche devono diversificare con partecipazione societarie e quant altro occorre per dinamizzare economia e se stesse...no?  ... (Leggi altro)

16.10.2020 12:38 GMT· Rispondi
Saverio Dincau
Saverio Dincau

Piu’bassi di cosi’......  ... (Leggi altro)

16.10.2020 11:26 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.

';