Mercati emergenti di nuovo attraenti: 4 modi per fare profitto

Mercati emergenti di nuovo attraenti: 4 modi per fare profitto

Investing.com  | 28.11.2019 16:20

Questo articolo è stato scritto in esclusiva per U.K. Investing.com

A fine novembre si pensa inevitabilmente al nuovo anno e alle nuove opportunità di investimento. Dando un’occhiata alle note strategiche delle grandi banche si capisce che le opportunità di investimento nei mercati emergenti sono tra le favorite.

È facile capire perché: i mercati emergenti hanno molti mega-trend, tra cui la progressiva urbanizzazione e un aumento della popolazione di 1,4 miliardi di persone entro il 2035 (e il conseguente aumento dei consumi della classe media). Naturalmente ci sono anche molti potenziali problemi come la corruzione e la volatilità di tutto ciò che viene etichettato come “emergente”. È possibile anche accedere tramite investimenti britannici le cui entrate, profitti e flussi sono generate sproporzionatamente da località in mercati emergenti.

Il primo grande nome sul FTSE 100 menzionato da molti alla ricerca di un’esposizioen sui mercati emergenti sarà Unilever (NYSE:UN), (LON:ULVR). Con brand come Surf, Magnum and Lipton Tea, le aziende di beni di consumo generano già il 60 percento delle vendite annue da 50 miliardi di euro (56miliardi di dollari) dai mercati emergenti. Ciò che bisogna notare è che i risultati trimestrali di ottobre hanno mostrato il vantaggio dei mercati emergenti, dove le vendite sono aumentate del 5,1% su base annua contro il derisorio calo dello 0,1% delle vendite registrato nei mercati sviluppati.

Chiaramente il tema dei mercati emergenti è forte qui, ma con un titolo come Unilever così appetibile tra gli investitori negli ultmi anni, non ci sorprenderebbe una valutazione forte anche oggi.

Unilever PLC (LON: ULVR)

Tre nomi che potrebbero beneficiare di un tale cambiamento di mercato sono Anglo American, Prudential e Standard Chartered.

Anglo American (OTC:NGLOY), (LON:AAL) ha intitolato una recente presentazione “Posizionati per il Futuro” ed il principale produttore mondiale di platino e diamanti – entrambi da miniere in Africa – beneficierà di una legislazione più chiara e di un aumento della domanda. Ma Anglo American ha in serbo molto di più.

Di recente si sta concentrando nell’espansione in Sudamerica, dove è difficile trovare nuove miniere di rame. Un paio di mesi fa ha annunciato che la miniera di Quellaveco in Peruha abbastanza riserve da assicurare un secolo di produzione. Quando la miniera raggiungerà la sua piena capacità, produrrà una media di 330.000 tonnellate all’anno di rame per i primi cinque anni. Il rame è una materia prima chiave nei mercati emergenti a rapida urbanizzazione e questo promette bene per il gruppo che ha mirato a ridurre il debito negli ultimi anni e che potrebbero riportare le azioni ai livelli che non si vedono dall’inizio di questo decennio.

Anglo American PLC (AAL)

In contrasto ad Anglo American, il colosso assicurativo Prudential (NYSE:PRU), (LON:PRU) si sta concentrando sulla semplificazione. Il settore assicurativo è una chiara area di crescita nei mercati emergenti, in quanto le persone intendono mantenere e proteggere la nuova ricchezza. I risultati di agosto hanno mostrato una crescita a doppia cifra in con ottimi ritorni sul capital ed un tasso altissimo di fidelizzazione della clientela, al 95%.

I problem di Hong Kong hanno fatto preoccupare gli investitori, ma la volatilità della crescita qui sarà più che compensata dalle opportunità nell’enorme Cina continentale. Prudential ha dichiarato che l’opportunità in previdenza assicurativa in Cina è di oltre 800 miliardi di dollari.

La redditività della divisione asiatica ha già eguagliato quella USA, e con questo tasso di crescita, una grande azienda diventerà un colosso per la metà degli anni 20.

Prudential PLC (PRU)

Standard Chartered (LON:STAN) - presente in 70 paesi in tutto il mondo - è una banca attiva in Africa, Sud America e Asia, dove operano anche Anglo American e Prudential.

Solitamente le banche sono correlate in maniera positiva allo sviluppo economico, ma di recente sono state colpite da tassi di interesse ultra bassi e da una debolezza nel commercio e nella crescita. Negli ultimi dati trimestrali Standard Chartered ha riportato un aumento dell’8% negli asset che generano interessi, a 603 miliardi di dollari, un dato statistico che continuerà a salire con l’ampiezza e l’importanza dei mercati emergenti che interessa.

Standard Chartered PLC (STAN)

I mercati emergenti restano un punto positivo per gli investitori da considerare nella creazione dei loro portfoli. Tuttavia, è importante una strategia per capire l’esposizione dei settori sottostanti e se un’area è stata già apprezzata dagli investitori. Conviene tenere sempre a mente che, nonostante le problematiche sulla Brexit che continueranno a farsi sentire nella prima parte del prossimo decennio, il mercato britannico mantiene un ampio respiro sulle opportunità che lo portano ad uscire da un’economia locale.

Investing.com

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’applicazione

Maggiori approfondimenti sui mercati, più allerte, ulteriori modi per personalizzare gli asset delle watchlist solo nell’applicazione

Scarica l’applicazione

Maggiori approfondimenti sui mercati, più allerte, ulteriori modi per personalizzare gli asset delle watchlist solo nell’applicazione