Perché il Bitcoin continua a scendere

Perché il Bitcoin continua a scendere

Pinchas Cohen/Investing.com  | 07.10.2019 16:38

Il Bitcoin è crollato di quasi il 25% dalla chiusura del 3 settembre. Si era trattato dell’apice dell’ultima impennata da quando il prezzo aveva cominciato a muoversi al ribasso dopo il massimo di 13.764 dollari del 26 giugno. E ci sono buone probabilità che continui a scendere ancora di più.

In quanto asset decentralizzato, ci sono sempre state speculazioni e divergenze su cosa muova il prezzo. L’attuale fattore fondamentale potrebbero essere le pratiche di riserve frazionarie, con il potenziale aumento di quello che è sempre stato considerato un massimo di 21 milioni di monete. Le prospettive di scorte maggiori riducono la domanda attuale: sono già stati minati 18 milioni di monete.

Intanto, non è riuscito a riprendersi dal crollo del 20% in due giorni. Né è probabile che lo faccia. Il grafico sotto ne illustra il perché.

Bitcoin price chart

Il tonfo del 20% è stato un breakout al ribasso del vertice di un triangolo. Il consolidamento che è seguito - che non è riuscito a creare uno slancio rialzista e non ha attirato acquisti sul calo - viene considerato ribassista. Allo stesso tempo, la base rialzista suggerisce una presa di profitto, consentendo a nuova linfa di prendere il posto degli investitori precedenti per la prossima mossa, presumibilmente al ribasso.

Questo pattern ha formato una flag rialzista, ribassista dopo una mossa decisa, la cui disposizione per un altro calo in un trend in discesa viene rafforzata dalla sua inclinazione in salita, come descritto. Il fatto che la flag ribassista si sia formata come parte proprio del breakout che ha completato il precedente pattern ribassista rafforza il quadro pessimistico.

Inoltre, la DMA su 200 si riallinea con l’apice della flag, rafforzandola come resistenza. Infine, il breakout al ribasso di ieri segnala che i nuovi investitori hanno le stesse intenzioni dei precedenti: vendere e andare avanti, creando un altro scivolamento.

Strategie di trading

I trader conservatori dovrebbero aspettare una significativa mossa al ribasso, seguita da un tentativo di tornare sopra la flag, il cui fallimento confermerebbe il trend in discesa.

I trader moderati potrebbero accontentarsi di una chiusura al di sotto del minimo del 30 settembre di 7.753 dollari, seguita da un calo per avere almeno un’entrata migliore, se non per aumentare le probabilità di un trend in discesa continuo.

I trader aggressivi potrebbero andare short adesso.

Esempio di trading - posizione short

Entrata: 8.100 dollari

Stop-Loss: 8.600 dollari - DMA su 200

Rischio: 500 dollari

Obiettivo: 6.600 dollari

Ricompensa: 1.500 dollari

Rapporto di rischio-ricompensa: 1:3

Pinchas Cohen/Investing.com

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+