Persino dopo il tonfo del 45% non c’è un bottom in vista per il titolo di FedEx

Persino dopo il tonfo del 45% non c’è un bottom in vista per il titolo di FedEx

Haris Anwar/Investing.com  | 19.09.2019 15:39

La più grande compagnia di consegne postali al mondo, FedEx Corporation (NYSE:FDX) (NYSE:FDX), ha lanciato delle notizie allarmanti agli investitori. Nel suo report sugli utili del primo trimestre fiscale 2020, pubblicato il 17 settembre, la compagnia ha abbassato le previsioni sui profitti dell’anno dal momento che il peggioramento dell’ambiente economico, innescato dallo scontro commerciale USA-Cina, ha pesato sulla sua attività di consegne Express, considerata una cartina di tornasole per l’economia globale.

Il colosso dei trasporti con sede a Memphis, Tennessee, ora si aspetta che gli utili per azione crollino del 16-29% nell’attuale anno fiscale, rispetto alle previsioni di un calo nel range medio delle cifre percentuali singole annunciato a giugno. FedEx ha inoltre abbassato le previsioni sui ricavi.

Attribuendone la colpa all’aumento delle tensioni commerciali e dell’incertezza per la politica monetaria, l’amministratore delegato Fred Smith ha dichiarato durante una conference call: “L’economia globale continua ad indebolirsi e stiamo intervenendo per ridurre la capacità”.

Il profit warning arriva dopo che la compagnia ha registrato un crollo dell’11% dei profitti del primo trimestre fiscale, dovuto alla debolezza della divisione Express, che consegna pacchi per via aerea ed è particolarmente vulnerabile agli sconvolgimenti dei commerci globali.

Un cattivo auspicio per i titoli industriali

Il persistere di questo peso ha fatto crollare il titolo di FedEx ieri, con un tonfo di quasi il 13% a 150,91 dollari, il minimo in oltre due anni. Il titolo ha visto un crollo di circa il 45% dal massimo storico raggiunto all’inizio del 2018, quando ha segnato 274,66 dollari ad azione.

FedEx

La discesa del titolo di FedEx rappresenta anche un cattivo auspicio per altri titoli industriali, come Caterpillar Inc (NYSE:CAT) e Deere & Company (NYSE:DE), in quanto il persistente rallentamento dell’attività economica globale potrebbe danneggiare ulteriormente le loro vendite e ritardare la ripresa.

Ma gli investitori dovrebbero ricordare che, in un clima di incertezza economica come quello attuale, dare la colpa di tutto all’economia è una tattica che molti amministratori delegati utilizzano per nascondere problemi interni. Nel caso di FedEx, ci sono anche numerosi altri fattori responsabili di questa performance deludente.

Il maggiore sono i continui problemi della compagnia nella sua divisione europea in seguito alla costosa acquisizione di TNT nel 2015. L’accordo è ancora un lavoro in corso che non è riuscito a sbloccare quel valore che gli investitori speravano di vedere.

A marzo FedEx ha reso noto che i costi di integrazione per l’acquisizione dovrebbero superare gli 1,5 miliardi di dollari nell’anno fiscale 2021, col potenziale di ulteriori aumenti. Le sfide legate all’integrazione ed il rallentamento dell’economia europea hanno fatto sorgere dubbi circa i benefici dell’accordo TNT, ed alcuni analisti si chiedono se sia stata la cosa giusta da fare.

Dopo gli utili del primo trimestre di mercoledì, gli analisti di Stifel, BMO, Deutsche Bank (DE:DBKGn) e KeyBanc hanno abbassato il rating sul titolo, mettendo in dubbio qualsiasi speranza di una rapida inversione di rotta. Deutsche Bank in una nota scrive di aver abbassato il rating sul titolo da “buy” a “hold” e di aver tagliato il prezzo obiettivo a 142 dollari da 178 dollari perché:

“Sebbene molti possano considerarlo un bottom del titolo, non ci aspettiamo alcun supporto fino a quando la gestione non si prenderà la responsabilità della recente performance e non articolerà in modo chiaro una strada credibile verso risultati e flussi di cassa migliori (mettendola in atto). Nel frattempo, le azioni continueranno a scendere, com’è giusto che sia”.

Considerato l’indebolimento dell’economia, FedEx sta anche ristrutturando le sue operazioni per gestire l’aumento degli ordinativi di e-commerce. Di recente ha chiuso il contratto con Amazon (NASDAQ:AMZN) (NASDAQ:AMZN) ed ha annunciato i piani per offrire consegne a domicilio sette giorni alla settimana e per gestire una quantità maggiore di pacchi che trasportava tramite il Servizio Postale USA.

Morale della favola

Le prospettive di FedEx su un indebolimento dei commerci mondiali e dell’economia rafforzano la nostra idea secondo cui gli investitori dovrebbero stare alla larga dai titoli strettamente legati all’economia globale. È difficile prevedere un bottom per il titolo di FedEx in quanto si trova a dover affrontare tantissimi ostacoli, compresi la macro-debolezza, le questioni legate all’integrazione di TNT e l’enorme aumento dei costi. Questi fattori negativi continueranno a mettere pressione sui flussi di cassa della compagnia riducendo nettamente le possibilità di vedere un aumento dei dividendi.

Haris Anwar/Investing.com

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Stefano De Rossi
Stefano De Rossi

L'acquisizione di TNT e la risoluzione del contratto Amazon in un periodo di recessione con una stupida sfida Usa-Cina... Una visione poco lucida. Ecco il risultato   ... (Leggi altro)

20.09.2019 07:01 GMT· Rispondi
Stefano De Rossi
Stefano De Rossi

L'acquisizione di TNT e la risoluzione del contratto Amazon in un periodo di recessione con una stupida sfida Usa-Cina... Una visione poco lucida. Ecco il risultato   ... (Leggi altro)

20.09.2019 07:00 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.