Rallenta anche la manifattura USA, le tensioni commerciali pesano

Rallenta anche la manifattura USA, le tensioni commerciali pesano

Ivan Gaddari  | 24.05.2019 12:00

I dati PMI Flash possono aprire una finestra sulle tendenze di crescita future. Il grande riscontro dai dati di ieri è che la lunga controversia tra Stati Uniti e Cina sta causando problemi piuttosto seri. Il settore manifatturiero è in sofferenza anche negli USA e in particolare il dato sui nuovi ordini evidenzia una contrazione. Cosa che non succedeva dal 2009. Ora c’è chi è pronto a scommettere che le ultime vicissitudini tecnologiche possano avere delle ripercussioni importanti anche nel settore dei servizi.

Un rallentamento economico globale sembra ormai certo e le misure protezionistiche dell'amministrazione statunitense potrebbero accelerare il processo. Le PMI del Giappone e della zona euro sono deboli, ma ora anche gli USA non sono più così brillanti. La reazione a tutto ciò, ieri, è stata lo spostamento di liquidità verso asset rifugio. Il rafforzamento dello yen, del franco svizzero e dell’oro sono chiari segnali di preoccupazione, così come i rendimenti obbligazionari in netto calo. Il rendimento del decennale USA è sceso sotto il 2,34%, ovvero su livelli che non si vedevano da dicembre 2017 e le ripercussioni sul dollaro non si sono fatte attendere.

Dopo aver raggiunto livelli che non si vedevano da maggio 2017, l'Indice del dollaro si è ritirato bruscamente. Potrebbe trattarsi di una mossa di breve termine, ma il sentiment pare stia cambiando. La Federal Reserve come ben sappiamo resta alla finestra, in attesa dei dati, ed è probabile che il dollaro resti comunque un asset rifugio appetibile in un contesto di debolezza internazionale. Per quanto riguarda invece l’azionario si scorgono segnali di debolezza più preoccupanti. Come reagiranno i tori nei prossimi giorni sarà cruciale.

Wall Street ha chiuso in netto ribasso con l’S&P 500 -1,2% a 2822 punti. I futures statunitensi hanno invece aperto la mattinata in rialzo del + 0,3% e sui mercati asiatici c’è stata una certa stabilità col Nikkei -0,3% e lo Shanghai Composite + 0,1%. Nel forex, detto del Dollaro, EUR e GBP questa mattina continuano a guadagnare terreno (registriamo le dimissioni della May, che arriveranno ufficialmente il prossimo 7 giugno), mentre le valute legate alle materie prime sono un po’ sotto pressione. Il rimbalzo dell'oro è dovuto al movimento del dollaro, mentre il petrolio ha trovato supporto dopo aver perso quasi il 6% in una sola sessione.

Per quanto riguarda i dati macro economici di oggi segnaliamo vendite al dettaglio UK meglio del previsto, mentre nel pomeriggio l'attenzione si rivolgerà agli ordini di beni durevoli statunitensi di aprile, per i quali si prevede una crescita di + 0,2% su base mensile (+ 0,3% a marzo).

Ivan Gaddari

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’applicazione

Maggiori approfondimenti sui mercati, più allerte, ulteriori modi per personalizzare gli asset delle watchlist solo nell’applicazione

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.