Ripresa di Aurora Cannabis dopo l’ultimo aggiornamento, ma non è cambiato nulla

Ripresa di Aurora Cannabis dopo l’ultimo aggiornamento, ma non è cambiato nulla

Investing.com  | 08.10.2019 16:30

Il titolo di Aurora Cannabis (TSX:ACB) è crollato del 4,58% la scorsa settimana chiudendo venerdì a 4,04 dollari USA (5,84 dollari canadesi). Ma è solo parte della storia.

La compagnia di cannabis canadese ha registrato una corsa sulle montagne russe la scorsa settimana, toccando i 3,85 dollari USA (5,12 dollari canadesi) mercoledì scorso, con un tonfo del 14,5%, prima di riprendere a salire. Poi il titolo si è diretto di nuovo giù, chiudendo con un crollo del 6,59% a 4,11 dollari USA (5,47 dollari canadesi).

Il rialzo della scorsa settimana è stato innescato dalla pubblicazione di giovedì scorso di un aggiornamento sulle operazioni globali e sulle iniziative di crescita. Afferma l’amministratore delegato Terry Booth:

“Aurora prende sul serio la sua posizione di leadership nel settore globale della cannabis e si impegna ad essere aperta e trasparente con tutti gli azionisti”.

“Il team di Aurora sta lavorando per portare avanti numerose importanti iniziative strategiche in Canada, Stati Uniti e all’estero, finalizzate a rafforzare ulteriormente la posizione globale della compagnia”.

L’aggiornamento ha fornito un’ampia panoramica delle ultime mosse del colosso della cannabis, in particolare per quanto riguarda la sua attuale espansione nel Canada occidentale e in Danimarca, nonché una panoramica delle attività in Quebec, Ontario, Stati Uniti, Lituania, Lettonia, Estonia ed America Latina. Sono stati offerti anche i dettagli sugli accordi ed i patti per l’esportazione nel Regno Unito, in Polonia ed Australia.

Nel complesso, Aurora è attiva in 25 paesi in tutto il mondo.

Aurora Cannabis price chart

Si potrebbe dire che l’aggiornamento è stato necessario per risolvere la questione dell’emorragia del titolo dall’11 settembre, quando è passato da 6,49 dollari USA (8,54 dollari canadesi) a 3,85 dollari USA (5,12 dollari canadesi) il 2 ottobre, con un tonfo del 37,7%, il giorno prima della pubblicazione dei dati. L’aggiornamento sicuramente è servito allo scopo: il titolo ha immediatamente invertito la rotta, salendo al massimo di 4,51 dollari USA (6,01 dollari canadesi).

Ma è davvero cambiato qualcosa?

Il principale fattore che aveva innescato la traiettoria ribassista non è stato eliminato del tutto. Si tratta del deludente report sugli utili del quarto trimestre della compagnia con sede ad Edmonton.

Quei risultati sono stati preoccupanti per due motivi: innanzitutto hanno deluso le aspettative degli analisti ma, forse più importante, hanno deluso anche le previsioni riviste della compagnia stessa che erano appena state abbassate per un altro mese. E con la compagnia che si prepara a pubblicare il report del prossimo trimestre ad un mese da ora, gli investitori terranno d’occhio i ricavi.

Ma, considerata la portata dell’attuale espansione della compagnia, potrebbero tenere d’occhio anche un altro indicatore chiave: i debiti. Più precisamente, faranno un confronto tra il suo debito e quello degli altri operatori del settore.

Il debito è destinato ad aumentare

Aurora ha circa 250 milioni di dollari (322,5 milioni di dollari canadesi) di debiti netti. E data la sua lunga lista di progetti di espansione in corso, non sorprende.

Proseguono i lavori su numerosi progetti, come la struttura da 1,6 milioni di piedi quadrati di Aurora Sun a Medicine Hat, Alberta; la struttura da un milione di piedi quadrati di Nordic Sky ad Odense, Danimarca; la costruzione di una struttura di coltivazione a Whistler, Columbia Britannica; e la costruzione di un centro di innovazione a Comox, Columbia Britannica. Le nuove sedi centrali per la sussidiaria Anandia Laboratories, una struttura per test, apriranno presto; una struttura a Vancouver aprirà proprio oggi.

Con tutta questa espansione, non è difficile prevedere che il suo debito continuerà ad aumentare. In confronto, altri colossi del settore come Canopy Growth e la Hexo con sede in Quebec hanno liquidità nei loro bilanci.

Tutte le compagnie del settore sono sotto pressione per spingere le entrate ma, nel caso di Aurora, considerato il suo pesante debito, la pressione sarà molto più forte. Pubblicherà il prossimo report sugli utili l’11 novembre.

Il direttore finanziario di HEXO si dimette

Il direttore finanziario del produttore di cannabis con sede in Quebec HEXO Corp. ha annunciato le sue dimissioni immediate venerdì scorso, solo quattro mesi dopo aver accettato il ruolo.

In una dichiarazione, Michael Monahan ha spiegato che si dimette perché il lavoro richiede che passi la maggior parte del tempo nella capitale, il che “non è possibile per me al momento date le necessità della mia famiglia”.

La notizia è stata accolta ieri dal titolo con un tonfo di oltre il 6%.

Stephen Burwash, vice-presidente per le finanze strategiche della compagnia, è stato nominato come sostituto di Monahan.

Investing.com

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+