Walmart: costi e vendite online ancora sotto i riflettori nel report del 4° trim.

Walmart: costi e vendite online ancora sotto i riflettori nel report del 4° trim.

Investing.com  | 12.02.2019 12:43

  • Pubblicazione dei risultati del quarto trimestre 2019 martedì 19 febbraio, prima dell’apertura dei mercati
  • Previsioni sulle entrate: 138,66 miliardi di dollari
  • Previsioni utili per azione: 1,33 dollari

Quando il principale distributore fisico al mondo pubblicherà gli utili del quarto trimestre la prossima settimana, dovrà dare agli investitori una buona ragione per essere rialzisti sul suo titolo. Uno dei maggiori timori che affligge gli investitori di Walmart (NYSE:WMT) è il modo in cui il distributore potrà continuare a migliorare i margini quando i costi stanno aumentando.

WMT Weekly

Nel terzo trimestre, le vendite su base comparabile dei negozi Walmart negli Stati Uniti (importante barometro della performance) sono aumentate del 3,4%, battendo le previsioni degli analisti. Questo tuttavia non è bastato a far schizzare il titolo in quanto anche i costi sono aumentati. Oltre al controllo dei costi, Walmart dovrà dimostrare anche che la sua strategia di e-commerce è sulla buona strada per competere con i rivali online, come Amazon (NASDAQ:AMZN) e gli ultimi arrivati digitali che stanno attirando frotte di millennial.

Considerate queste sfide, secondo noi, il report trimestrale di Walmart è stato straordinario. L’inversione di rotta delle vendite su base comparabile, cominciata nel terzo trimestre dell’anno fiscale 2015, ha preso ritmo nell’anno fiscale 2019. L’ultimo report del 15 novembre 2018 ha mostrato che le vendite su base comparabile sono in salita da 16 trimestri consecutivi. Se lo slancio della crescita USA dovesse continuare, ci sono buoni motivi per credere che Walmart sia in una posizione solida per continuare a replicare questa performance.

Questo ciclo di crescita è stato alimentato da una serie di scelte cruciali: i massicci investimenti della compagnia sui suoi canali online, la sua attenzione per punti vendita più puliti e meglio forniti e il miglioramento della sua offerta di prodotti alimentari. La divisione e-commerce di Walmart ha visto un’espansione di circa il 40% negli ultimi due report sugli utili, una lettura straordinaria per un indicatore tanto importante per il successo a lungo termine della compagnia.

Pensiamo che questo colosso della distribuzione continuerà a guadagnare partecipazione di mercato in queste categorie d’ora in avanti, mantenendo al contempo sotto controllo i costi. Nessun altro distributore ha un potere contrattuale come quello di Walmart, che gli consente di ottenere dai fornitori prezzi più bassi.

Difficoltà a breve termine

Detto questo, siamo anche consapevoli di alcune difficoltà a breve termine che potrebbero tenere sotto pressione il prezzo del suo titolo. Gli ultimi interventi normativi in India per supportare i piccoli commercianti contro i colossi dell’e-commerce in vista delle elezioni che si terranno in primavera hanno dato origine ad un clima di incertezza per l’espansione globale di Walmart.

Le nuove norme potrebbero pesare sia sulla controllata di Walmart Flipkart che sulle attività locali di Amazon, in quanto il mercato indiano diventerà più complicato per i giganti della distribuzione. Altri fattori che potrebbero mettere sotto pressione il titolo di Walmart sono lo scontro commerciale USA-Cina in corso e l’incertezza per la direzione generale dei mercati e dell’economia.

Tuttavia, malgrado questi problemi, ci piace il titolo di Walmart per gli investitori a lungo termine e lo consideriamo un buon candidato per un portafoglio difensivo, soprattutto data la forza del suo slancio degli utili e la sua presenza online in continua espansione.

Morale della favola

Per alcuni investitori, il titolo di Walmart (che ieri ha chiuso a 96,20 dollari) potrebbe sembrare costoso con il suo attuale multiplo P/E forward di circa 20, ma questi timori non prendono in considerazione il fatto che il distributore non è la stessa compagnia di cinque anni fa.

Con l’attuale slancio dell’e-commerce e la forza dei suoi punti vendita core tradizionali, crediamo che un eventuale sell-off post-utili sarà un buon punto di entrata per gli investitori a lungo termine.

Investing.com

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+