Wirecard Bank, da astro nascente alla bancarotta

Wirecard Bank, da astro nascente alla bancarotta

Word2Invest  | 25.06.2020 13:15

Futuro nero per Wirecard Bank (DE:WDIG), considerato fino a poco tempo fa l’astro nascente della finanza digitale (Fintech), ha presentato istanza di fallimento dopo aver rivelato un ammanco di oltre 2 mld di $.

Prima dell’istanza, il titolo azionario è stato sospeso dopo aver perso oltre il 90% del valore azionario dal momento che il revisore EY ha prima temporeggiato e dopo si è rifiutato di approvare il bilancio 2019.

Per lo scandalo si è dimesso il fondatore e CEO Markus Braun.

Fondata nel 1999, Wirecard è diventata in poco tempo uno dei leader del settore dei pagamenti elettronici in competizione con PayPal (NASDAQ:PYPL) e Western Union (NYSE:WU).

Un futuro roseo apparente

La Wirecard Bank prima dello scandalo presentava ottime prospettive di crescita sotto molti punti di vista.

Dopo un’ottima performance negli ultimi 5 anni, con una crescita degli utili annui del 27,1% contro il 20,4% del settore, per i prossimi 3 anni presentava una crescita ancor maggiore; un fatturato annuo del 21% contro il 10% e utili netti al 24,2% contro un 14,9% del settore.
Anche per quanto riguarda la previsione di crescita dell’EPS si evidenza un aumento previsto annuo oltre il 40% e un ROE quasi doppio rispetto al settore Fintech: 24,3% vs 14,4%.

Infine, anche dal punto di vista finanziario la società era “apparentemente” in ottima salute, con asset di breve termine che coprivano i debiti finanziari di breve e di lungo termine.

Solo un piccolo appunto, gli ultimi 5 anni svi è stato un aumento del Debt to Equity, passato dal 9,5% al 77,1%, ma il flusso di cassa operativo copriva ampiamente il debito contratto.

Conclusioni

Come si è precedentemente evidenziato, apparentemente la società aveva tutte le carte in regola per essere un degno avversario di colossi come PayPal, ma era solo un castello di carte.

Dopo aver raggiunto nel 2019 oltre 17 mld di € di capitalizzazione, diverse testate giornalistiche (Financial Times fra tutti) hanno iniziato ad indagare sui conti, svelando un bilancio gonfiato per essere maggiormente appetibile nei confronti degli investitori.

Ma adesso dovranno pagare un conto salatissimo, ora che le banche investitrici (cinesi ed europee, con menzione d’onore del gigante Soft Bank) probabilmente chiederanno il rimborso immediato dei prestiti e questo segnerà la fine dell’ex astro nascente Wirecard Bank.

Word2Invest

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Domenico La Pietra
Domenico La Pietra

Cosa sucedera se nn si vendono le azioni   ... (Leggi altro)

11.01.2021 12:14 GMT· Rispondi
Corrado Cardano
Corrado Cardano

In Germania queste cose non succedono! Acthung!  ... (Leggi altro)

26.06.2020 13:22 GMT· 4 · Rispondi
Mou Carr
Mou Carr

Chiedere il rimborso a chi NON ha soldi... sara bello vedere come li recupereranno...  ... (Leggi altro)

26.06.2020 06:40 GMT· Rispondi
EM An
EM An

tedeschi che giudicano, quando sono i peggiori   ... (Leggi altro)

26.06.2020 04:15 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.