Come lo shutdown del governo USA ha colpito i mercati

Come lo shutdown del governo USA ha colpito i mercati

Dentro Investing  | 17.06.2019 11:41

Come lo shutdown del governo USA ha colpito i mercati

Il blocco del governo statunitense più lungo mai registrato si è verificato dal 22 dicembre 2018 al 25 gennaio 2019. È durato 35 giorni ed è stato il secondo shutdown sotto la presidenza di Trump. La causa principale è stato il disaccordo tra Trump e l’opposizione sul finanziamento da 5,7 miliardi di dollari del muro al confine meridionale degli USA.

Come hanno reagito i mercati allo shutdown

Secondo l’ufficio per il bilancio del Congresso USA, l’ultimo shutdown è costato all’economia americana 11 miliardi di dollari di costi diretti, ma eravamo curiosi di sapere come hanno reagito i mercati. Per misurare gli effetti, abbiamo osservato la cronologia dei dati dei 7 maggiori indici globali, dei principali bond del governo statunitense e i risultati sono stati molto interessanti. Durante lo shutdown, ogni indice che abbiamo seguito ha segnato un rialzo, dal 2 ad oltre il 15%, mentre i bond del governo USA sono scesi di circa un punto percentuale (tranne uno).

 

Bond del governo - cosa è successo?

Abbiamo esaminato i 4 principali bond - con scadenza a 1, 5, 10 e 30 anni. I bond USA a 1 anno sono scesi dell’1,44%, i bond USA a 5 anni sono scesi dell’1,48%, i bond USA a 10 anni sono scesi dell’1,04% e, dato interessante, i bond USA a 30 anni sono saliti dell’1,19%. Il motivo probabilmente non è da ricercare nello shutdown. Come spiega il nostro analista senior Clement Thibault: “l’aumento dei tassi di interesse da parte della Fed generalmente ha un effetto negativo sul rendimento dei bond del governo”.

 

Indici - cosa è successo?

In contrasto all’andamento dei bond, gli indici che abbiamo esaminato hanno tutti segnato un rialzo. Partendo dal basso, il FTSE 100è salito dell’1,84%, seguito dal Nikkei 225 con un rialzo del 3,01%. Il DAX e l’Euro Stoxx 50 sono saliti rispettivamente del 6,09% e del 6,37%. Per quanto riguarda gli indici USA, gli aumenti sono stati decisamente più elevati. Lo S&P 500 e il Dow Jones Industrial Average sono saliti rispettivamente del 13,34% e del 13,51%, mentre il Nasdaq 100 è salito del 15,69%. Secondo Clement, “il mercato sa che le aziende private vanno avanti senza il governo federale. Per la maggior parte infatti non ci sono effetti sulle attività, dunque niente panico”.

Cosa ricordare

La cosa principale da tenere a mente dopo aver esaminato questi dati è che uno shutdown del governo può determinare un rialzo sui mercati. E voi, cosa ne pensate? Scrivetecelo nei commenti.

 Nota: Questo articolo non deve essere considerato come un consiglio di investimento. Bisogna effettuare una due diligence prima di investire su qualsiasi asset o classe di asset.

Commenta per primo su

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+