Sondaggio di Investing.com: chi vincerà la guerra commerciale tra USA e Cina? Ecco le vostre risposte!

Sondaggio di Investing.com: chi vincerà la guerra commerciale tra USA e Cina? Ecco le vostre risposte!

Dentro Investing  | 14.06.2019 12:33

Sondaggio di Investing.com: chi vincerà la guerra commerciale tra USA e Cina? Ecco le vostre risposte!

Nel nostro sondaggio settimanale sui social media, condotto sia sulla pagina Facebook che sull’account Twitter di Investing.com, abbiamo chiesto ai nostri utenti:

Chi vincerà la guerra commerciale tra USA e Cina? Washington o Pechino?

I risultati ottenuti rappresentano un’ulteriore indicatore dell’incertezza crescente sui mercati finanziari per via della disputa commerciale in corso che turba gli investitori da più di un anno ormai.

I mercati temono che il protrarsi della disputa commerciale tra le due principali economie mondiali si trasformerà in una guerra fredda tecnologica dopo che l’amministrazione Trump ha deciso di mettere il colosso tech cinese Huawei sulla black list, di fatto impedendo alle aziende USA di fare affari con il più grande produttore di materiali per le telecomunicazioni.

I risultati in dettaglio:

In generale, sommando i risultati di Facebook e Twitter l’esito è stato di una perfetta parità, 50% e 50%.

Facebook

Dei 2.700 voti registrati su Facebook, 1.400 erano a favore della Cina. Secondo il 53% dei partecipanti, infatti, la Cina starebbe vincendo la guerra commerciale.

1.300 utenti, circa il 47%, si sono detti a favore degli USA.

Metti mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui

Twitter

I risultati che abbiamo visto sull’account Twitter di Investing.com sono stati praticamente l’opposto.

Dei 418 voti registrati, 221, ovvero il 53%, si sono espressi a favore di Washington, mentre 196 utenti, cioè il 47% ha votato per la Cina.

Seguici su Twitter cliccando qui.

Ecco cosa ci dicono i dati:

Per molti osservatori del mercato c’è solo un dato che mostra quale dei due paesi sia in testa: l’andamento del mercato azionario.

L’indice cinese Shanghai Composite ha risentito molto della guerra commerciale in corso, crollando di quasi il 25% nel 2018, quattro volte il calo dell’Future S&P 500 dello scorso anno.

I mercati azionari di entrambi i paesi hanno registrato un buon inizio nel 2019, con lo Shanghai in salita del 16%, mentre l’S&P 500 è salito del 13%.

In base a questo dato, gli USA sarebbero in vantaggio finora in questa disputa commerciale con la Cina.

Commenta per primo su

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+