Greggio sotto i 50 dollari con la diffusione del coronavirus

Greggio sotto i 50 dollari con la diffusione del coronavirus

Investing.com  | 26.02.2020 11:14

Greggio sotto i 50 dollari con la diffusione del coronavirus

Di Mauro Speranza

Investing.com – Prosegue il calo del prezzo che greggio, tornato sotto i 50 dollari, quota toccata quando scoppiò la crisi legata al coronavirus in Cina.

Il WTI è scambiato a 49,20 dollari al barile, segnando un calo dell’1,40%, mentre il -1,60% del Brent lo porta a 53,30 dollari.

I bassi prezzi del greggio stanno attirando le vendite anche sull’azionario legato al petrolio, con Bp particolarmente colpita (-2%), mentre perdono oltre l’1% Equinor (LON:0M2Z), Repsol (MC:REP), Galp (LS:GALP), Shell, Technip (PA:FTI) e Total (PA:TOTF). Continua la corsa, invece, di Saipem (MI:SPMI), grazie al ritorno al dividendo nel 2019.

Il calo della domanda

Il calo della domanda di petrolio a causa della crisi legata al coronavirus in Cina resta al centro del mercato. Secondo L’Agenzia Internazionale dell’Energia la richiesta mondiale di greggio vedrà un calo di 435 mila barili, primo calo dal 2009. Le previsioni dell’AIE, però, erano datate al 13 febbraio scorso, prima dello scoppiare di altri casi lontano dalla Cina.In questi giorni il direttore dell’AIE, Fatich Birol, ha affermato che “forse dovrà rivedere al ribasso” tali previsioni di crescita della domanda di petrolio, scesa a 825 mila barili, il minimo dal 2011.

“La diffusione dell’epidemia in Italia e Corea del Sud mette i prezzi del petrolio sotto pressione”, afferma Carsten Fritsch, analista di Commerzbank.Secondo un report settimanale di Eurasia Group, “per l’intero primo trimestre del 2020, le importazioni di greggio spedito in Cina, Giappone e Corea del Sud sembrano essere inferiori di 1,5 milioni di barili al giorno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, spazzando via quasi tutti gli aumenti della domanda globale di petrolio del 2019”.

La situazione potrebbe spingere i paesi dell’Opec+ (compresa la Russia) a decidere il rinnovo dei tagli alla produzione almeno fino alla fine dell’anno. La decisione potrebbe essere presa nel corso della prossima riunione dell’Opec prevista per il 5 e il 6 marzo a Vienna.

Chiusi i porti in Libia

Al calo della domanda, si aggiunge la possibilità che vengano riaperti i porti in Libia, chiusi dal 18 gennaio scorso per opera delle milizie del generale Khalifa Haftar, con più di 1 milione di barili di greggio al giorno tolti dal mercato.

Anche se i colloqui di pace a Ginevra si sono fermati, la possibile riapertura dei porti libanesi potrebbero mandare nuovamente a picco le quotazioni del greggio.

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Andrea Pacini
Andrea Pacini

tagliare tagliare.....la produzione è ai minimi storici.....che possono fare???pregare   ... (Leggi altro)

26.02.2020 13:21 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.

';