La pioggia di dati macro negativi sull’Europa aumenta le incertezze

La pioggia di dati macro negativi sull’Europa aumenta le incertezze

Investing.com  | 01.10.2019 12:45

La pioggia di dati macro negativi sull’Europa aumenta le incertezze

Investing.com – Mattinata caratterizzata dai dati macroeconomici nella zona euro, evidenziando ancora un rallentamento economico complessivo nel vecchio continente.

In Italia l’indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero di settembre ha visto un calo a 47,8 punti, in calo sia rispetto al precedente dato (48,7) che alle previsioni degli analisti (48,2).

Male anche l’indice PMI manifatturiero francese (50,1), sia quello tedesco (41,7), entrambi in calo, a cui si è aggiunto quello dell’eurozona che è sceso a 45,7 rispetto al 47 precedente. Scende a 0,9 l’inflazione in Europa.

I deboli dati europei frenano ancora l’euro, “ai minimi da maggio 2017” verso il dollaro, sottolineano gli esperti di Bankinter (MC:BKT), i quali ne individuano la causa nella “maggiore forza relativa degli indicatori statunitensi. Questa settimana, non ci saranno indicatori rilevanti nell'UE e da parte degli Stati Uniti, l'ISM manifatturiero e i dati sull'occupazione saranno piuttosto positivi. Ci aspettiamo che la coppia si stabilizzi e operi in una gamma ristretta”.

"La debolezza economica, che i dati macroeconomici per la zona euro continuano a mostrare, fa dubitare gli investitori del comportamento a breve termine della regione”, aggiunge Aitor Méndez, analista di IG Markets. Secondo l’esperto, questo “solleva l’idea che la Banca centrale europea (BCE) sarà costretta a continuare a utilizzare il suo arsenale di misure di stimolo e politiche non convenzionali".

Peggiore è lo scenario dipinto da Barclays (LON:BARC). Gli analisti di questa banca ritengono che l'euro potrebbe raggiungere 1,03 dollari nel terzo trimestre del prossimo anno, e che potrebbe proseguire la sua discesa a causa della previsione di dati economici deboli anche nel futuro.

Neanche la politica dei tassi bassi della BCE sembra aiutare l'euro. La moneta unica ha nuovamente avuto una scossa ribassista quando Philip Lane, membro del consiglio direttivo dell’istituto centrale, ha intravisto la possibilità che la BCE possa continuare ad espandere gli stimoli nell'area dell'euro. Monex Europe sottolinea che "Lane ha commentato domenica che c'è ancora più spazio per ulteriori tagli dei tassi, e che il pacchetto di stimolo attuato a settembre non era abbastanza espansivo”.

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Massimo Brunetti
Massimo Brunetti

Gli stimoli all'economia si fanno aumentando i deficit di spesa e abbattendo le tasse. Il "bazuka" di Draghi da solo, non serve a niente!  ... (Leggi altro)

01.10.2019 14:25 GMT· Rispondi
Tommaso Garu
Tommaso Garu

infatti, cadono come fichi secchi  ... (Leggi altro)

01.10.2019 11:33 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+