Alitalia, aerei a terra e compagnia ancora sull'orlo del fallimento

Alitalia, aerei a terra e compagnia ancora sull'orlo del fallimento

Euronews IT  | 09.10.2019 17:01

Alitalia, aerei a terra e compagnia ancora sull'orlo del fallimento

Ventiquattr'ore di sciopero e duecento voli cancellati per Alitalia nel mercoledì nero della compagnia di bandiera italiana, che ha messo a punto un piano di emergenza per garantire il 70% dei passeggeri, ma intanto è ancora una volta sull'orlo del fallimento.

A pochi giorni dalla scadenza per la presentazione di un'offerta vincolante di acquisto della compagnia, fissata per il 15 ottobre, la partita per il salvataggio è sempre più in salita. Oggi è ricomparsa anche Lufthansa, offrendosi come partner commerciale alternativo a Delta Airlines, seppure senza azioni nel capitale sociale. L’offerta che stava prendendo forma, anche tra mille difficoltà, avrebbe visto Ferrovie dello Stato alla testa di un nuovo consorzio, al fianco di Delta e Atlantia (MI:ATL), che però non riescono ad accordarsi su alcuni punti del piano industriale.

Un mercato in sofferenzaA preoccupare i sindacati sono i duemila esuberi annunciati con il piano di rilancio. Il tempo stringe: il governo fino ad oggi ha speso 8 miliardi e 7 per scongiurare il fallimento. Alitalia ne perde 500 mila al giorno ed entro la fine dell'anno - in mancanza di una nuova iniezione di capitale - andrà in bancarotta.

Il ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, ha escluso una proroga ulteriore - sarebbe la settima - della scadenza per l'offerta vincolante.

"Ci sono le condizioni affinché entro il 15 di ottobre si possa giungere una proposta vincolante da parte del consorzio acquirente per Alitalia, ma serve responsabilità da parte di tutti".
Stefano Patuanelli, ministro dello Sviluppo Economico

Sono ben 26 le compagnie aeree ad aver dichiarato fallimento negli ultimi due anni. La slovena Adria Airways ha interrotto i voli a ottobre; prima ancora è stato il turno della francese Aigle Azur, che ha lasciato a terra 13 mila passeggeri, e la low cost britannica XL Airways, oggi in liquidazione. Tutto lascia pensare che nel mercato aereo la lista dei fallimenti sia destinata ad allungarsi ancora.

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Matteo Albertoni
Matteo Albertoni

Svendita degli asset e ammortizzatori sociali per tutti costerebbe meno che rifinanziare. . . . é ora di chiudere !!  ... (Leggi altro)

09.10.2019 20:16 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+