Borse in rosso: perché il mercato non si fida di Trump

Borse in rosso: perché il mercato non si fida di Trump

Investing.com  | 14.08.2019 10:48

Borse in rosso: perché il mercato non si fida di Trump

Versione originale di Laura Sánchez – traduzione a cura di Investing.com

Investing.com - Le borse oggi proseguono gli scambi in negativo anche se i mercati (in Europa e negli Stati Uniti) hanno reagito con forza ieri dopo che era noto che gli USA avrebbero ritardato a dicembre parte delle tariffe del 10% imposte alla Cina, come telefoni cellulari, computer portatili e giocattoli, inizialmente previste per il prossimo settembre.

I cattivi dati macroeconomici in Cina (come l'indice della produzione industriale) o il PIL trimestrale della Germania, gettano nuovamente incertezze sulla crescita economica e avvicinano nuovamente il fantasma della recessione.

"Gli operatori dicono che c'è un sacco di scetticismo sulle misure. Ieri c'è stata molta euforia sulle chiusure a breve termine, ma oggi è visto con una prospettiva più calma e in realtà tutto rimane lo stesso, come dimostrano i cattivi dati macro in Cina e in Germania diffusi durante la mattinata", osserva José Luis Cárpatos, CEO di Serenity Markets.

Contraddizioni molto recenti

Una volta tornati alla realtà ribassista dei mercati, ricordiamo che pochi giorni fa, Trump ha dichiarato che il suo paese "non era preparato" per un accordo con la Cina. Ha persino minacciato di annullare la ripresa dei negoziati commerciali a settembre.

Solo ritardi "parziali" delle tariffe

Cárpatos aggiunge che "la misura di Trump, senza dubbio, è un bene per le borse, che hanno disperatamente bisogno di un gesto positivo in mezzo a tanta negatività. Ma se lo analizziamo con freddezza, tutto rimane uguale, la guerra rimane la stessa, il 1° settembre le tariffe salgono a 150.000 milioni mentre si attendono le nuove già decise”.

Anche se entrambe le parti si sono impegnate a parlare di nuovo tra due settimane, gli esperti pensano ancora che la misura di ieri è molto parziale ed è un ‘balzo in avanti’ che continua senza fermare la sfiducia degli investitori.

Infatti, da Serenity Markets indicano una probabilità dello 0% di un accordo commerciale USA-Cina, sia nel breve che nel medio termine. E non si aspettano che si rompano i negoziati, "almeno finché Trump sarà presidente. Una probabilità del 40% è "un accordo parziale, nel giro di pochi mesi, basato su un po' più di acquisti cinesi di prodotti agricoli e su alcune riduzioni tariffarie da parte di Trump”.

Altri istituti come la Société Générale (PA:SOGN) o Rabobank, vedono poche possibilità di concludere un accordo commerciale.

Mercato obbligazionario ignorato

Cárpatos sottolinea inoltre che "le obbligazioni non hanno nemmeno ascoltato le misure annunciate ieri e seguono la via già tracciata in precedenza. La curva dei rendimenti tra 2 e 10 anni ha raggiunto meno di 1 punto di investimento negli Stati Uniti, dimostrando che il mercato quello importante, in fondo, non credeva a significativi cambi. Le misure decise ieri, alla fine, hanno avuto valore solo nel breve”.

Maggiore pressione per le banche centrali e il settore finanziario

Dopo la "tregua" commerciale confermata dallo stesso Trump, il mercato è consapevole della strategia del presidente di continuare a spingere la Federal Reserve (Fed) statunitense ad abbassare i tassi di interesse nella sua prossima riunione di settembre.

Infatti, i future dei fondi Fed prevedono questo taglio di 25 punti base al 100% e portano la probabilità di un calo di 50 punti base al 50% (dal 32% di lunedì).

Si tratta di un nuovo colpo per il settore bancario, che si riflette nell'indice settoriale dei prezzi in Europa, con cali superiori all'1%.

Per quanto riguarda la Banca centrale europea (BCE), come spiegato in Renta 4, "il deterioramento dei dati macroeconomici sta portando il mercato a scontare più probabilmente misure aggiuntive da parte delle banche centrali. Il consenso è passato dall'attualizzare con una probabilità del 15% un tasso sui depositi ridotto a -0,6% (contro il -0,4% attuale) nella prossima riunione della BCE, al 42% in una sola settimana. E con un occhio di riguardo all'annuncio di una possibile escalation che minimizzi l'impatto negativo sul margine finanziario del settore bancario”.

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Stefano Calzolari
Stefano Calzolari

E allora state lontano dai mercati.....vi scottate!!!! E non dite che non l’avevo detto  ... (Leggi altro)

14.08.2019 17:44 GMT· Rispondi
Ferdinando Magaraggia
Ferdinando Magaraggia

Questo genio di presidente sta per mandare in recessione l"America e il mondo...Saranno felici i suoi elettori.  ... (Leggi altro)

14.08.2019 10:50 GMT· 2 · Rispondi
Mauro Schiavinato
Mauro Schiavinato

E’ gente contorta   ... (Leggi altro)

14.08.2019 09:47 GMT· Rispondi
Mauro Schiavinato
Mauro Schiavinato

Tutte cavolate   ... (Leggi altro)

14.08.2019 09:42 GMT· Rispondi
Rinaldo Denti
Rinaldo Denti

Prudenza ...recessione arriva ....  ... (Leggi altro)

14.08.2019 09:35 GMT· 1 · Rispondi
mau75
mau75

penose ridicole storie per stornare i mercati.......  ... (Leggi altro)

14.08.2019 09:30 GMT· 1 · Rispondi
mau75
mau75

penose rificole storue per stornare i mercati.....  ... (Leggi altro)

14.08.2019 09:26 GMT· Rispondi
Andrea Dallacqua
Andrea Dallacqua

in una parola "liquidare ed attendere"  ... (Leggi altro)

14.08.2019 09:18 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+