Mercati tesi: maggiori effetti del coronavirus rispetto al taglio tassi

Mercati tesi: maggiori effetti del coronavirus rispetto al taglio tassi

Investing.com  | 20.02.2020 11:47

Mercati tesi: maggiori effetti del coronavirus rispetto al taglio tassi

Versione originale di Laura Sánchez – traduzione a cura di Investing.com

Investing.com - Mercati europei sono in rosso nonostante la decisione della People's Bank of China (PBoC) di ridurre il suo tasso di prestito di riferimento dal 4,15% al 4,05%, portando in verde sia il Nikkei che lo Shanghai Composite.

La Corea del Sud ha confermato 22 nuovi casi di coronavirus, portando il totale a 104. "Il mercato è preoccupato che il virus possa diffondersi in questo paese", dice José Luis Cárpatos, CEO di Serenity Markets.

Questo esperto menziona anche "i due nuovi decessi in Giappone" e mette in evidenza "uno studio secondo il quale il virus può essere diffuso più facilmente del normale, attraverso persone senza sintomi".

Sul fronte economico, ricordiamo che il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha avvertito che il virus può fare più danni di quanto si creda e Goldman avverte della sottovaluzione dell'effetto che il virus può avere sui risultati aziendali.

Data questa situazione, "è probabile che alcuni investitori approfittino dei recenti progressi di molti titoli per realizzare profitti", dicono in Link Securities.

La Cina continua a dispiegare la sua "artiglieria" monetaria

Come spiegato da Banca March, la riduzione dei tassi di interesse sui prestiti in Cina è "la terza delle misure adottate dalla People's Bank of China per mitigare gli effetti dell'epidemia di coronavirus, le precedenti sono la riduzione attuata lunedì scorso sul tasso di interesse a medio termine, che lo ha ridotto al 3,15% dal precedente 3,25% e l'iniezione di liquidità nel mercato attraverso l'acquisto di pronti contro termine a 7 e 14 giorni, attuata all'inizio di febbraio. In Renta 4 aggiungono che la People's Bank of China, "che ha stabilito il controllo del coronavirus come priorità nella politica monetaria, ha previsto che l'impatto del virus sulla crescita economica potrebbe drenare tra 1 e 2 punti percentuali del PIL nel 2020 e avverte che se la crescita sarà inferiore al 5,3%, 30 banche locali potrebbero avere problemi di capitale e 17 fallirebbero se fosse inferiore al 4,15%.

Previsione

Tuttavia, come sottolineato da Link Securities, "le notizie provenienti dalla Cina circa un significativo calo del numero di nuove infezioni limiteranno, crediamo, le cadute degli indici in quanto serviranno a rafforzare la "scommessa" di molti investitori su una ripresa a V della crescita economica in Cina".

Da parte sua, Renta 4 evidenzia un "impatto economico incerto - maggiore in Cina, limitato a livello globale - e il mercato ritiene che non sarà duraturo (ipotizzando un picco nel numero di infetti a fine febbraio), lasciando il posto a una ripresa in V. Anche così, il recupero del ciclo è più incerto rispetto a prima del coronavirus. I dati macro peggioreranno prima di migliorare".

Per quanto riguarda la politica monetaria, Renta 4 ritiene che "sia la Fed che la BCE continueranno a sostenere, ma ribadiscono la possibile insufficienza della politica monetaria per stimolare l'economia in caso di un forte rallentamento e la necessità di un sostegno alla politica fiscale. A meno che non si verifichi un brusco calo dell'attività, è improbabile che si verifichi un aumento degli stimoli monetari, anche se manterranno le loro attuali politiche espansionistiche".

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Bengiamine Button
Bengiamine Button

la verità è che hanno gonfiato più del dovuto i mercati e presto ci sarà un bel botto , non possono continuare a nascondere l'evidenza il debito pubblico sale in continuazione tutti gli sforzi delle banche centrali non stanno avendo il risultato sperato . l'oro sale , questo non è un sintomo di un economia sana .   ... (Leggi altro)

21.02.2020 10:15 GMT· Rispondi
Urio Inzolia
Urio Inzolia

L'unico mercato teso è P.zza Affari con i soliti giochini al realizzo...bravi  ... (Leggi altro)

20.02.2020 12:27 GMT· Rispondi
Lorenzo Ghiselli
Lorenzo Ghiselli

Tutti si aspettano una ripresa a forma di V, ma potrebbe anche essere una v con gambe di altezza diversa: la globalizzazione è in difficoltà e la cina (assieme al governo cinese) potrebbe farne le spese. La situazione deve sbloccarsi presto, altrimenti la frittata è fatta.  ... (Leggi altro)

20.02.2020 12:18 GMT· 1 · Rispondi
stop euro
stop euro

fa piu morti l'influenza..andiamo avanti basta stupidate  ... (Leggi altro)

20.02.2020 12:01 GMT· 2 · Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’applicazione

Maggiori approfondimenti sui mercati, più allerte, ulteriori modi per personalizzare gli asset delle watchlist solo nell’applicazione

Scarica l’applicazione

Maggiori approfondimenti sui mercati, più allerte, ulteriori modi per personalizzare gli asset delle watchlist solo nell’applicazione