Il dollaro scende tra le speculazioni in vista dei negoziati commerciali

Il dollaro scende tra le speculazioni in vista dei negoziati commerciali

Investing.com  | 10.10.2019 09:48

Il dollaro scende tra le speculazioni in vista dei negoziati commerciali

Investing.com - Il dollaro scende negli scambi di questo giovedì mattina, sulla scia di una raffica di notizie spesso contraddittorie circa le imminenti trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina che riprenderanno nel corso della giornata a Washington.

Sebbene una conclusione definitiva del conflitto sembri fuori portata dopo l’ennesima serie di attacchi alle compagnie da entrambe le parti questa settimana, le notizie suggeriscono che i paesi sarebbero disposti ad accettare un accordo parziale sul breve termine in modo da permettere alle rispettive economie di respirare visto il rallentamento subìto per via dello scontro.

Bloomberg ha riportato nella notte che la Casa Bianca vorrebbe ripresentare l’idea di un patto sulla gestione monetaria che era stato oggetto di discussione nelle trattative all’inizio dell’anno, nonché la sospensione dell’aumento dei dazi sulle importazioni cinesi che entrerà in vigore questo mese.

Il New York Times nel frattempo scrive che gli Stati Uniti potrebbero dare un po’ di tregua alle compagnie USA che riforniscono il colosso delle telecomunicazioni Huawei.

Altri hanno una posizione più pessimistica sui negoziati: sia il South China Morning Post che Fox News affermano che potrebbero saltare.

Dopo tutte queste notizie, lo yuan cinese e le valute legate alle materie prime, come aussie e “kiwi”, salgono contro il dollaro negli scambi della mattinata europea.

Alle 3:30 ET, l’indice del dollaro USA, che replica l’andamento del biglietto verde contro un paniere di altre sei principali valute, scende dello 0,3% a 98,547. Il dollaro è in calo dello 0,3% contro lo yuan, sia continentale che offshore.

L’euro approfitta della debolezza del dollaro per salire sopra gli 1,1000 per la prima volta in una settimana. Alle 3:30 ET sale dello 0,4% a 1,1041 dollari. E questo nonostante i dati più deboli del previsto sulla produzione industriale in Francia e le esportazioni minori delle aspettative in Germania ad agosto.

Anche la lira turca, che aveva segnato il minimo di quattro mesi contro il dollaro all’inizio della settimana con le sue truppe che si preparavano ad invadere la Siria settentrionale, vede una breve ripresa, salendo dello 0,2% prima di ridurre i guadagni ed attestarsi a 5,8686 contro il dollaro.

Intanto, la sterlina è stabile contro il dollaro ma scende contro l’euro, in vista delle trattative dell’ultimo minuto tra il Primo Ministro Boris Johnson ed il suo corrispettivo irlandese Leo Varadkar sulla risoluzione della questione del confine irlandese nei negoziati sulla Brexit.

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+