La sterlina rimbalza ancora, Barnier riaccende le speranze su accordo Brexit

La sterlina rimbalza ancora, Barnier riaccende le speranze su accordo Brexit

Investing.com  | 15.10.2019 11:43

La sterlina rimbalza ancora, Barnier riaccende le speranze su accordo Brexit

Investing.com - La sterlina cattura nuovamente la luce dei riflettori questo martedì, rimbalzando contro il dollaro e l’euro tra le rinnovate speculazioni su un accordo che consentirà al Regno Unito di lasciare l’UE in modo tranquillo alla fine del mese.

Alle 3 ET, il cambio GBP/USD si attesta a 1,2667, su dello 0,5%, mentre la coppia EUR/GBP scende dello 0,3% a 0,8715.

L’ultima ondata di ottimismo è stata scatenata dai commenti di Michel Barnier, responsabile per i negoziati dell’UE, che ha riferito ai giornalisti che un accordo durante il summit di questa settimana “è ancora possibile”.

“Farò il mio resoconto ai 27 ministri UE come al solito per spiegare dove ci troviamo, a che punto siamo oggi”, avrebbe affermato Barnier secondo i media.

“I nostri team stanno lavorando sodo, il lavoro è appena ricominciato oggi, è stato intenso nel fine settimana e ieri, perché anche se l’accordo sarà difficile, sempre più difficile, a essere onesti, è ancora possibile questa settimana”, ha aggiunto Barnier.

Barnier ha più volte ribadito il divario tra le parole del Regno Unito e la sua capacità di attuare delle soluzioni efficaci in un quadro normativo giuridicamente vincolante.

Stamane ha spiegato che “qualsiasi accordo dovrà andare bene per tutti”, aggiungendo che “è ora di trasformare le buone intenzioni in un testo legale”.

Prima dei commenti di Barnier circolavano voci di un summit straordinario il 31 ottobre, poche ore prima dell’uscita del Regno Unito dall’UE. L’idea alla base dell’impennata è che un simile summit avverrebbe solo se ci fossero ragionevoli probabilità di avere un accordo.

La prospettiva di un accordo sulla Brexit ha anche aiutato l’euro contro il dollaro. La coppia EUR/USD sale dello 0,1% a 1,1037 alle 3. L’indice del dollaro, che replica l’andamento del biglietto verde contro un paniere di valute dei mercati sviluppati, scende dello 0,2% a 98,035, il minimo da venerdì.

Intanto, la lira turca rimbalza dopo essere scesa al minimo da maggio, in quanto le “grosse sanzioni” promesse dal Presidente Donald Trump contro la Turchia si sono rivelate essere più gestibili di quanto temuto. Alle 3 ET si attesta a 5,8782, con un balzo di oltre l’1% dai livelli di ieri.

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+