Cosa succederebbe se l'Ue respingesse la manovra - date chiave

Cosa succederebbe se l'Ue respingesse la manovra - date chiave

Reuters  | 11.10.2018 20:00

Cosa succederebbe se l'Ue respingesse la manovra - date chiave

BRUXELLES (Reuters) - Il conflitto tra il governo italiano e l'Unione europea sulla legge di Bilancio potrebbe vivere nei prossimi giorni una escalation, se la Commissione europea decidesse di far scattare la procedura per respingere i piani sul budget dell'esecutivo Lega-Movimento 5 Stelle.

La mossa, senza precedenti, darebbe formalmente il via a una lunga battaglia che probabilmente, fino alla sua risoluzione, aumenterebbe la pressione dei mercati sull'Italia .

Dal 2013 la procedura è parte di un pacchetto della Commissione utile ad assicurare che i Paesi della zona euro rispettino le regole Ue sui conti pubblici, ma non è stata finora applicata a nessuno dei 19 membri dell'Unione monetaria.

Qui sotto le date chiave e della possibile procedura e dei vertici rilevanti dell'Ue:

15 ottobre: scadenza per inviare i progetti di bilancio per l'anno successivo.

22 ottobre: dopo l'invio dei progetti di bilancio, la Commissione ha una settimana per identificare "difformità particolarmente serie con gli obblighi della politica di bilancio" di uno Stato. Assumendo che l'Italia presenti il progetto di budget il 15 ottobre, com'è pratica comune, la Commissione avrà fino al 22 ottobre per trasmettere le sue preoccupazioni all'Italia.

29 ottobre: se la Commissione decidesse di considerare i piani sul bilancio dell'Italia non conformi alle regole europee, dovrà respingerli entro due settimane dalla ricezione. Questa scadenza scatterà il 29 ottobre se l'Italia invia il progetto di Bilancio il 15 ottobre. Bruxelles dovrà spiegare per iscritto le ragioni che l'hanno spinta a rimandare la manovra a Roma affinché la modifichi.

5 novembre: riunione dell'Eurogruppo, che metterebbe ulteriore pressione sul governo giallo-verde per spingerlo a cambiare la manovra.

19 novembre: nel caso in cui la Commissione rigettasse il progetto di manovra, il governo italiano avrebbe tre settimane da quando l'Ue esprime la sua opinione per far pervenire a Bruxelles una manovra rivista.

3 dicembre: riunione Eurogruppo.

10 dicembre: la Commissione avrebbe tre settimane di tempo da quando riceve il nuovo piano di manovra dell'Italia per adottare una nuova opinione che descriverebbe la posizione complessiva dell'Italia in materia di bilancio e il suo impatto sull'insieme dell'eurozona.

13 dicembre: il consiglio direttivo della Bce tiene una riunione sulla politica monetaria che servirà a concludere il programma di acquisto dei bond, una mossa ampiamente attesa che potrebbe, comunque, aumentare ulteriormente il costo del servizio del debito per l'Italia.

14 dicembre: i leader dell'Ue al loro consueto summit di fine anno discuterebbero con ogni probabilità dei piani dell'Italia sul bilancio, se a questo punto non fosse ancora stata trovata una soluzione. Un fatto che farebbe crescere ancora la pressione dei partner e dei mercati sull'esecutivo di Giuseppe Conte.

4-7 febbraio: questa è la settimana in cui la Commissione presumibilmente pubblicherà le sue previsioni economiche fino al 2020, che mostrerebbero se i calcoli fatti dall'Ue coincidono con la crescita e le proiezioni di deficit e debito dell'Italia, che sostengono gli obiettivi di bilancio. I dati potrebbero aprire la strada a procedure sanzionatorie, se ci fosse una considerevole difformità tra quelli in possesso dell'Ue e quelli del governo italiano.

Se l'Italia rifiutasse di modificare il progetto di bilancio, la Commissione potrebbe aprire una procedura di deficit eccessivo nei confronti di Roma, che probabilmente spingerebbe di nuovo l'Italia sotto i riflettori del mercato, e potrebbe anche portare a multe.

Le procedure sanzionatorie sono di solito avviate dalla Commissione quando sono disponibili dati definitivi riferiti a un periodo di due anni, il che significherebbe che questa decisione arriverebbe ad aprile 2019, a poche settimane dalle elezioni del Parlamento europeo di maggio.

© Reuters. A worker cleans outside the future headquarters of the European Commission in Brussels, September 2,..

(Francesco Guarascio)

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Sergino
Sergino

Se il deficit è nei limiti ed è sostenibile....fine del discorso e la manovra deve andare avanti.  ... (Leggi altro)

12.10.2018 11:43 GMT· Rispondi
Amedeo Luciani
Amedeo Luciani

ottima agenda dei prossimi mesi  ... (Leggi altro)

12.10.2018 05:31 GMT· Rispondi
Luca Bilancioni
Luca Bilancioni

La cosa devastante è pensare che questo governo, se andassimo a elezioni domani, gode ancora del 60% dei consensi  ... (Leggi altro)

12.10.2018 05:13 GMT· 1 · Rispondi
beniamino zanella
beniamino zanella

quante procedure di infrazione sono state aperte per surplus eccessivo verso la Germania? quanto sono state efficaci? Questa Europa deve scomparire. serve un altra europa  ... (Leggi altro)

11.10.2018 21:31 GMT· Rispondi
Gp Fau
Gp Fau

e palese che l'europa deve irrigidirsi...altrimenti e' finita... l'unica possibilita' e' che i due ci pportiano in mano a russi e americani.. che cosi spaccherebbero l'euro... .ma questo NON e' NEL NOSTRO INTERESSE !!!!!!  ... (Leggi altro)

11.10.2018 20:40 GMT· Rispondi
Gp Fau
Gp Fau

non riesco a capire come ci sia della gente che ancora difenda questo governo....   ... (Leggi altro)

11.10.2018 20:38 GMT· 2 · Rispondi
Orazio Castorina
Orazio Castorina

Cosa succederebbe se sbarcassero i marziani armati fino ai denti sulla Terra? Dai, cominciamo a parlarne...  ... (Leggi altro)

11.10.2018 20:35 GMT· Rispondi
GianLo
GianLo

Comunque soldi per Banche e per i Beneton: NIET.   ... (Leggi altro)

11.10.2018 19:36 GMT· 2 · Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Fusion Media non accetta responsabilità per perdite o danni risultanti dall’uso delle informazioni quali quotazioni, grafici, segnali di buy/sell presenti nel sito. Si prega di informarsi correttamente circa i rischi e i costi associati al trading relativo ai mercati finanziari, uno degli investimenti considerati a maggior rischio. Il trading a margine sulle valute presenta alti rischi e non è adatto a tutti gli investitori. Il trading o gli investimenti in criptovalute porta potenziali rischi. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e possono essere condizionati da fattori esterni di tipo finanziari, regolatori e legati agli eventi politici. Le criptovalute non sono adatte a tutti gli investitori. Prima di iniziare a fare trading su borse estere, con criptovalute o con altri strumenti finanziari, è consigliabile considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e l’attitudine al rischio.
Fusion Media avvisa che i dati contenuti in questa pagina non sono necessariamente in tempo reale o del tutto accurati. Tutti i prezzi relativi a CFD (azioni, indici, future), valute e criptovalute non sono forniti dalle borse ufficiali ma dai market mover e i prezzi possono differire dai prezzi di mercato in quanto indicativi e non adatti a scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non assume alcuna responsabilità per eventuali perdite subìte come risultato dell’uso di questi dati.
Fusion Media può ricevere dei guadagni dagli inserzionisti che appaiono nella pagina web, basandosi sulle interazioni degli utenti con la pubblicità.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+