Hutchison vince controversia su veto Ue per acquisizione O2

Hutchison vince controversia su veto Ue per acquisizione O2

Reuters  | 28.05.2020 14:18

Hutchison vince controversia su veto Ue per acquisizione O2

BRUXELLES (Reuters) - CK Hutchison Holdings ha vinto il contenzioso contro la decisione dell'antitrust Ue di bloccare l'offerta da 10,3 miliardi di sterline per l'acquisto di O2 Uk dalla spagnola Telefonica (MC:TEF) nel 2016.

La sentenza odierna della Corte lussemburghese segna una rara battuta d'arresto per l'autorità per la concorrenza della Commissione europea, ma sarà festeggiata da un settore delle telecomunicazioni desideroso di una maggiore libertà in materia di fusioni volte a condividere ingenti investimenti nel 5G.

Il conglomerato del miliardario in pensione Li Ka-shing mirava a diventare il più grande operatore di rete di telecomunicazioni mobili della Gran Bretagna combinando Three UK con O2 per competere contro Vodafone (LON:VOD) e EE, del gruppo BT.

L'accordo del 2016, tuttavia, aveva sollevato alcuni segnali d'allarme presso i garanti della concorrenza dell'Ue, diffidenti su fusioni nel settore delle telecomunicazioni che riducono il numero degli operatori da quattro a tre e potrebbero portare a un aumento dei prezzi. Hutchison ha successivamente presentato ricorso contro la decisione della Commissione di porre il veto sull'accordo.

La Corte ha annullato la sentenza della Ue, affermando che l'antitrust non ha dimostrato che la società risultante dalla fusione avrebbe danneggiato la concorrenza o che i prezzi sarebbero aumentati.

"La Commissione non è riuscita a dimostrare che la concentrazione in questione genererebbe effetti non coordinati in grado di costituire ostacoli significativi a una concorrenza efficace, sia sul mercato retail, in base al primo e al secondo principio del danno, sia sul mercato wholesale", hanno detto i giudici.

Il tribunale ha aggiunto che la Commissione ha confuso diversi concetti e "ampliato considerevolmente il campo di applicazione delle norme sulle concentrazioni di imprese e ha distorto il concetto di forza concorrenziale importante".

La Commissione ha affermato che analizzerà attentamente la sentenza prima di decidere se presentare ricorso presso la più alta corte europea, la Corte di giustizia Ue.

Secondo Hutchison, la Commissione europea aveva commesso un errore nel predire che l'accordo avrebbe fatto salire i prezzi e non aveva valutato correttamente le concessioni offerte per affrontare i timori sulla concorrenza.

© Reuters. Logo di CK Hutchison Holdings durante una conferenza stampa a Hong Kong

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48 587785176)

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’applicazione

Maggiori approfondimenti sui mercati, più allerte, ulteriori modi per personalizzare gli asset delle watchlist solo nell’applicazione

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.