L’Amministratore Delegato di Barclays dovrebbe vincere su Bramson

L’Amministratore Delegato di Barclays dovrebbe vincere su Bramson

Investing.com  | 01.05.2019 10:25

L’Amministratore Delegato di Barclays dovrebbe vincere su Bramson

Di Geoffrey Smith

Investing.com - Il destino dell’ultima banca di investimento globale britannica sarà deciso domani, quando gli azionisti di Barclays PLC (LON:BARC) voteranno, tra le altre cose, per decidere se l’investitore attivista Edward Bramson debba avere o meno un posto all’interno del direttivo.

Bramson è il terzo principale azionista di Barclays, con una partecipazione del 5,5%, la maggior parte della quale con opzioni. Ha insistito molto affinché l’Amministratore Delegato Jes Staley tagliasse drasticamente la divisione per le imprese e gli investimenti, in quanto non tanto redditizia quanto le operazioni di prestito focalizzate sul Regno Unito.
Staley, al contrario, si concentra su una banca di investimento che è andata meglio rispetto ai rivali europei negli ultimi trimestri e la considera una fonte valida ed indipendente di entrate che potrebbe appianare i ritorni sul lungo termine.

La recente forte performance della banca di investimento di Barclays (la sua divisione a reddito fisso ha mantenuto i cali dei ricavi a solo il 3% nel primo trimestre, rispetto ai crolli a doppia cifra della maggior parte dei rivali) probabilmente giustifica Staley abbastanza da lasciare Bramson fuori dal direttivo per ora.

Tuttavia, Bramson ha già in parte segnato un punto nel mettere un freno alla banca di investimento: il Financial Times di recente ha riportato che gli accantonamenti per i bonus nel primo trimestre sono crollati di oltre il 10%, un evento attribuibile al fatto che Staley ha preso il timone della divisione dall’ex capo Tim Throsby.

Barclays ha segnato la performance peggiore tra le grandi banche britanniche negli ultimi 12 mesi, con un tonfo del 19% (anche se le banche focalizzate solo sul Regno Unito sono crollate molto di più, il che va ad indebolire la tesi secondo cui dovrebbe concentrarsi sul mercato nazionale). Ma la performance di Barclays non è stata tanto peggiore di quella di UBS (NYSE:UBS) o di Credit Suisse (NYSE:CS), ed è andata certamente meglio di quella di Deutsche Bank (DE:DBKGn), il cui crollo del 35% è stato in larga parte dovuto ad una banca di investimento che costa più di quanto non renda.

Con Deutsche che secondo molti ora taglierà la sua banca di investimento USA più drasticamente nel tentativo di ottenere la salvezza senza una fusione, Barclays dovrebbe in teoria trarre profitto dall’uscita di scena della rivale.

Sfortunatamente per Staley, la stessa logica potrebbe valere anche per Bank of America (NYSE:BAC), che sta finanziando la partecipazione di Bramson con un prestito da 1,4 miliardi di dollari e che si ritroverebbe a dover affrontare meno concorrenza sul mercato nazionale se Barclays dovesse farsi convincere a ridimensionarsi.

Barclays rimbalza dell’1,1% negli scambi sottotono di questo mercoledì, mentre l’indice britannico FTSE 100 sale dello 0,2%. La maggior parte delle borse europee è chiusa per la festa del Primo maggio.

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.