Parte l'OPS Intesa Sanpaolo - Ubi Banca: botta e risposta tra le banche

Parte l'OPS Intesa Sanpaolo - Ubi Banca: botta e risposta tra le banche

Investing.com  | 06.07.2020 10:30

Parte l'OPS Intesa Sanpaolo - Ubi Banca: botta e risposta tra le banche

Di Mauro Speranza

Invsting.com – Inizia oggi la tanto attesa Offerta Pubblica di Sottoscrizione annunciata a marzo da Intesa Sanpaolo (MI:ISP) verso Ubi Banca (MI:UBI), il cui termine è previsto per il 28 luglio.

L'oggetto dell'offerta consiste in 1,144 milioni di azioni ordinarie Ubi Banca e l'assegnazione di 1,7 azioni Intesa Sanpaolo per ogni azione UBI portata in adesione. Di conseguenza, il concambio è pari a 17 azioni Intesa per 10 azioni UBI portate in adesione all'Offerta.

Con questa operazione Intesa Sanpaolo punta alla maggioranza semplice del capitale Ubi Banca, ovvero il 50% più 1 azione che le permetterebbe di avere il controllo del Consiglio di Amministrazione.

Dopo le recenti obiezioni dell'Antitrust e dell'IVASS, l'Offerta prevede la cessione di 532 filiali di Intesa Sanpaolo a Bper (MI:EMII), oltre che del ramo assicurativo a UnipolSai (MI:US).

"L'offerta”, spiega il documento, “rappresenta un'operazione di mercato rivolta direttamente a tutti gli azionisti di UBI per consentire l'integrazione in Intesa Sanpaolo, al fine di valorizzare le potenzialità dei due gruppi tramite la creazione di una realtà leader in Italia e di dimensioni europee". L'OPS di Intesa infatti stima sinergie per circa 3,2 miliardi di euro.

Lo scontro della vigilia tra Intesa Sanpaolo e Ubi Banca

L'avvio dell'operazione era stata preceduta da un botta e risposta tra il cda di Ubi Banca e Intesa Sanpaolo. Il board di Ubi Banca, infatti, aveva formalmente sconsigliato l'offerta giudicandola non conveniente per la banca e i suoi azionisti in quanto priva del corrispettivo in denaro, oltre che alla stima del valore reale della banca giudicato insufficiente, a cui si aggiungevano anche le scarse sinergie a favore degli azionisti Ubi Banca.

Il cda guidato da Letizia Moratti, dunque, ha concluso che le condizioni poste per l'OPS favoriscono gli azionisti di Intesa a scapito di quelli di Ubi, non creando valore per gli stakeholder della banca di Bergamo.

Questa mattina è arrivata la risposta di Intesa Sanpaolo tramite un comunicato ufficiale in cui si precisava che “l'allocazione del valore e delle sinergie derivanti dall'operazione a favore degli attuali azionisti Ubi Banca è superiore all'ammontare stimato dal Cda di Ubi, pari al 10% del valore attuale delle sinergie complessive al netto dei costi di integrazione”, ovvero 320 milioni di euro rispetto al totale di 3,2 miliardi calcolati considerando che gli attuali azionisti di UBI Banca verrebbero a detenere una quota pari a circa il 10% del capitale del gruppo risultante dall'operazione.

"Va infatti considerato anche il valore rappresentato dal premio offerto (pari a circa 1,1 miliardi ai prezzi del 14 febbraio 2020), che porta a un ammontare di competenza degli azionisti di Ubi Banca pari a oltre il 40% del valore attuale delle sinergie complessive al netto dei costi di integrazione", sottolinea la nota.

Inoltre, il piano industriale aggiornato di Ubi, reso noto il 3 luglio, "nonostante una redditività rivista al ribasso - e in contrasto con quanto storicamente registrato da Ubi Banca - indica un incremento, rispetto a quanto comunicato precedentemente, dell'obiettivo in termini di distribuzione cumulata di dividendi nel triennio 2020-2022 (esclusi i dividendi di competenza dell'esercizio 2019), che diventa superiore del 60% rispetto a quella originariamente quantificata nel Piano e che nel Piano Aggiornato è stimata in circa 840 milioni, di cui 350 milioni derivanti da componenti straordinarie e non ripetibili conseguenti a cessione di partecipazioni". Il Cda di Ubi ha evidenziato il fatto che la fusione non attribuirà alcun premio agli azionisti di minoranza che non avessero aderito all'Offerta.

"Intesa Sanpaolo fa presente che la legge e la prassi impongono di determinare il concambio di fusione (e quindi di valutare incorporante e incorporata, ovviamente senza premio di controllo) con criteri e metodologie che si ispirano anzitutto al principio di omogeneità e comparabilità degli elementi considerati, principio, questo, che garantisce la correttezza e la congruità del concambio".

Piuttosto, il Cda di Ubi "avrebbe dovuto ricordare agli azionisti che, ove gli stessi non aderissero all'Offerta, si troverebbero con un'azione contraddistinta da un prezzo che non conterrà il premio implicitamente riconosciuto nell'ambito dell'offerta in favore degli aderenti (pari a circa il 28% sulla base dei prezzi al 14 febbraio 2020)", concludono da Intesa Sanpaolo.

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Claudio Cambianica
Claudio Cambianica

Perdono potere  ... (Leggi altro)

06.07.2020 15:21 GMT· Rispondi
Claudio Cambianica
Claudio Cambianica

Penso le OPS sia ottima. Gli azionisti di maggioranza di UBI in effetti avevano sconsigliato l’offerta giudicandola non conveniente x la Banca i i Suoi azionisti, perche’ gli azionisti del patto perdono POTERE e non guardano effettivamente la convenienza e, questo fa MALE.   ... (Leggi altro)

06.07.2020 15:19 GMT· 1 · Rispondi
Luciano Ratti
Luciano Ratti

certo che:intesa non spende niente...solo carta su carta e anzi incassa da bper Agli azionisti ubi non viene dato nemmeo 1€...solo az intesa. Più che un'acquisizione per sinergie sembra uno smembramento per far fuori il 3° competitor...dove sarebbe il vantaggio per gli azionisti? io non conferisco nulla!  ... (Leggi altro)

06.07.2020 11:02 GMT· Rispondi
strategia e metodo
strategia e metodo

i fatti adesso agli azionisti, il resto è solo aria fritta   ... (Leggi altro)

06.07.2020 10:46 GMT· Rispondi
Luca Joly
Luca Joly

Si vede benissimo che è diventata una OPA ostile con tutte le implicazioni del caso!   ... (Leggi altro)

06.07.2020 10:31 GMT· 1 · Rispondi
Matteo Montù
Matteo Montù

Se non gli piace che rifiutino...La verità è che fanno gne gne gne perché vorrebbero di più. Ma l'operazione è un affare per entrambi.   ... (Leggi altro)

06.07.2020 09:24 GMT· 1 · Rispondi
Giuseppina Ballarini
Giuseppina Ballarini

Sono favorevole all ops. Rino bologna  ... (Leggi altro)

06.07.2020 08:54 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.