Timori di crisi economica stendono il Ftse Mib. Banche affondano

Timori di crisi economica stendono il Ftse Mib. Banche affondano

Investing.com  | 14.08.2019 12:00

Timori di crisi economica stendono il Ftse Mib. Banche affondano

Investing.com – Già terminato sui mercati l’effetto proroga dei dazi arrivata ieri dagli Stati Uniti che aveva seminato entusiamo a Wall Street e sulle borse europee.

Oggi il Ftse Mib cede l’1,30%, seguito dalle altre borse europee, tutte in rosso. L’Ibex 35 cede quasi l’1%, sulla stessa scia del Dax, del Cac 40 e del Ftse 100, mentre viaggiano in negativo anche i futures S&P 500.

La mattinata si era aperta con i negativi dati sulla produzione industriale in Cina, con la crescita che rallenta a +4,8% rispetto al previsto 6%. Aumenta anche il tasso di disoccupazione cinese che tocca il 5,3%.

Ulteriore frenata anche in Germania, dove il Pil trimestrale si conferma negativo, mentre quello annuale scende a zero.

Secondo Chris Beauchamp, analista di IG Group a Londra, "Le cifre del Pil tedesco sono state un brutto inizio per i mercati europei e hanno messo in secondo piano l'effetto positivo del rinvio dei dazi imposti da Trump”.

Se l’inflazione francese resta stabile all’1,1%, cresce quella britannica, arrivando al 2,1%.

Male anche la produzione industriale dell’eurozona, scesa dell’1,6% su base mensile e del 2,6% su base annuale.

A Milano, intanto, la nuova crescita dello spread (220 punti) incide sul crollo dei titoli bancari, con il FTSE Italia All Share Banks che sottoperforma il principale indice di Piazza Affari con una flessione del 2,30%.

Calo del 3% per Bper Banca (MI:EMII), Banca Popolare di Sondrio (MI:BPSI), Banco Bpm (MI:BAMI) e Banca IFIS (MI:IF), seguite dal -2% di Unicredit (MI:CRDI), FinecoBank (MI:FBK), Ubi Banca (MI:UBI) e Unipol (MI:UNPI).

Vira in negativo anche Monte dei Paschi di Siena (MI:BMPS) dopo un inizio in volata a +3%, sulla scia del derisking dei giorni passati.

Negativa anche Ferrari (MI:RACE), nonostante la promozione degli analisti di Goldman Sachs da 'neutral' a 'buy', con un target price aumentato a 163 rispetto al precedente 150 euro.

Domina il rosso anche sul resto delle blue chips, tra cui troviamo Pirelli (MI:PIRC), Stmicro (PA:STM), Tenaris (MI:TENR), Leonardo (MI:LDOF) e Fiat (MI:FCHA) tra le peggiori.

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Umbtp
Umbtp

Disoccupazione cinese al 5,3% ? Sarà qualche bambino che ancora non lavora perché troppo piccolo!  ... (Leggi altro)

15.08.2019 01:18 GMT· Rispondi
Stefano Calzolari
Stefano Calzolari

I piccoli risparmiatori e’ meglio che continuino a risparmiare e stare lontano dai giochini di borsa su 1 che guadagna 10 ci perdono a volte anche pesantemente mi stupisce chi ancora non l’ha capito.   ... (Leggi altro)

14.08.2019 17:42 GMT· Rispondi
Urio Inzolia
Urio Inzolia

E poi da non dimenticare le prese di beneficio dei traders e gestori ferragostani..!  ... (Leggi altro)

14.08.2019 12:56 GMT· Rispondi
beniamino zanella
beniamino zanella

siamo in piena deflazione da debiti il bello deve ancora arrivare quando i tassi scenderanno tutti sotto lo zero ci sarà la resa finale penso sarà dolorosissimo. Germania già in grande depressione non parliamo della Cina con tutti i dati taroccati. buon ferragosto  ... (Leggi altro)

14.08.2019 10:35 GMT· Rispondi
Daniele Fanelli
Daniele Fanelli

cmq è vero, nei mercati si vuole solo creare panico per favorire chi fa speculazione rispetto a noi poveri risparmiatori, esempio: che c..zo di notizia negativa è dire che la Cina rallenta la crescita a +4,8%!!!! Ma cribbio non è meglio dire che la Cina cresce ancora con un bel 4,8%!!!Ma facciamo pure il gioco di chi dilapida i nostri risparmi :(  ... (Leggi altro)

14.08.2019 10:24 GMT· Rispondi
Urio Inzolia
Urio Inzolia

E cone mai gli analisti nelle loro dichiarazioni di sperticavano in rialzi e li pagano anche per le loro analisi fantomatiche...poi non sembra strano che le banche italiane siano sempre in default ?  ... (Leggi altro)

14.08.2019 10:19 GMT· Rispondi
Ugo Sais
Ugo Sais

Navighiamo a vista, anche con le notizie e i titoli.  ... (Leggi altro)

14.08.2019 10:16 GMT· Rispondi
Enrico Salvia
Enrico Salvia

Il disastro economico mondiale sta portando le popolazioni alla sofferenza della fame  ... (Leggi altro)

14.08.2019 10:07 GMT· Rispondi
mau75
mau75

tutte scuse per un bello storno e creare paure sui mercati cosi i più timorosi vi regalano un po' di soldi....  ... (Leggi altro)

14.08.2019 10:06 GMT· Rispondi
mau75
mau75

Ma daiiiii.......davvero....!non ce ne siamo accorti....ma mollatela con ste notizie vuote come i vostri cervelli  ... (Leggi altro)

14.08.2019 10:04 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+