La legalizzazione della marijuana negli USA alimenta l’interesse negli investitori

La legalizzazione della marijuana negli USA alimenta l’interesse negli investitori

Dentro Investing  | 13.08.2019 15:19

La legalizzazione della marijuana negli USA alimenta l’interesse negli investitori

Le aziende che distribuiscono cannabis e che sono quotate in borsa continuano a volare; alcune di esse hanno registrato un rialzo del 70% solo nell’ultimo anno. E non solo, il trend della legalizzazione della marijuana continua a fornire l’ambiente giusto in cui operare, suggerendo che si tratta solo dell’inizio del nuovo boom del Bitcoin. Tutto ciò sta attirando l’attenzione di un numero sempre maggiore di investitori.

Nel gennaio 2020 l’Illinois diventerà l’undicesimo stato USA a legalizzare la marijuana, facendo così crescere il mercato della cannabis negli Stati Uniti. Si tratta dell’ennesimo segnale che incoraggia la legalizzazione della sostanza a livello federale.

Lo slancio verso la cannabis negli USA ha acquistato vigore, soprattutto da quando il Canada è diventato il primo paese del G7 a legalizzarne l’uso. Gli effetti benefici della legalizzazione sull’economia sono stati vantati, dall’aumento degli introiti dalle tasse, agli effetti positivi sull’occupazione, sulla crescita del PIL e anche sul turismo. Il comparto sciistico del Colorado ad esempio ha visto un aumento del 10% sulla stagione 2014-15 rispetto all’inverno precedente, in seguito alla legalizzazione della marijuana.

Quindi chi sta investendo nei titoli della cannabis?

Quando si tratta di cogliere un’opportunità nel mercato azionario, normalmente si pensa agli investitori newyorkesi di Wall Street, pronti a fare un balzo e ad agire prima che il resto del paese ne sappia l’esistenza. Beh, in questo caso non è affatto così!

Nel tentativo di avere un quadro più chiaro su cosa spinge gli investimenti legati alla cannabis, la piattaforma sui mercati finanziari globali Investing.com e la piattaforma online di gestione della visibilità SEMrush hanno incrociato i loro dati per cercare di carpire qualche trend.

Prima di tutto, abbiamo visto in che percentuale gli utenti di Investing.com dei 50 Stati Uniti nel periodo aprile-giugno 2019 hanno seguito le pagine dedicate ai titoli della marijuana sulla nostra piattaforma. Lo stato di New York non è stato nemmeno tra i primi dieci stati più interessati, ma si è piazzato diciassettesimo.

Tuttavia i risultati mostrano che gli utenti con l’interesse più elevato si trovano negli stati che hanno già legalizzato la sostanza: Maine (dove il 7,5% degli utenti di Investing.com sono interessati nelle azioni della cannabis), Massachusetts (6,1%), Michigan (5,6%), Alaska (5,2%) e California (5,1%).

Who Invests In Marijuana

Inoltre, sette dei 10 stati più interessati, sono stati che hanno già legalizzato la sostanza. Tutti e 10 gli stati in cui la marijuana è legale sono nella top 20. È interessante notare che l’Illinois che ha annunciato solo lo scorso mese di voler legalizzare la cannabis entro il 2020 non è nella top 20.

“Ciò che mi sorprende è che New York e Pennsylvania - 2 stati con livelli alti di utilizzo personale di marijuana – non sono nella top 5” ha dichiarato Jesse Cohen, analista dei mercati USA di Investing.com. “Mi sarei anche aspettato che la California, uno dei primi stati ad aver legalizzato la cannabis, fosse stata più in alto nella lista. L’Alaska mi ha davvero colpito, ma ancora una volta questo mostra gli effetti che la legalizzazione ha sull’interesse nelle azioni della cannabis”. 

Esiste un catalizzatore di interesse?

Visto l’esempio del Canada abbiamo deciso di analizzare i dati per cercare di rispondere alla domanda: la tempistica della legalizzazione ha un impatto diretto sull’aumento dell’interesse nei titoli della marijuana?

Analizzando ognuno dei cinque stati sopra menzionati I cui utenti hanno mostrato l’interesse maggiore nei titoli della cannabis, SEMrush ha misurato le ricerche su Google (NASDAQ:GOOGL) riguardanti i 10 principali titoli nei sei mesi precedenti e nei sei mesi seguenti alla legalizzazione in ciascuno stato.

SEMrush ha evidenziato che l’interesse nei titoli della marijuana è aumentato sensibilmente nei mesi seguenti alla legalizzazione della marijuana. In Massachusetts, Michigan, e California l’interesse nei principali titoli della marijuana è praticamente raddoppiato nei periodo che vai dai sei mesi precedenti ai sei mesi seguenti alla legalizzazione.

“La legalizzazione della marijuana è senza dubbio uno dei principali motori di crescita che vedremo nei prossimi anni, dunque l’attenzione che sta ricevendo il settore è giustificata, ha dichiarato Clement Thibault, Analista Senior di Investing.com. “Wall Street e gli investitori sono sempre alla ricerca di crescita e profitto e la legalizzazione della marijuana offre proprio questo”.

Google Search Increase for Weed Stocks

Il trend è chiaro: c’è un collegamento diretto tra la legalizzazione della cannabis e l’interesse degli investitori nei relativi titoli. Tutto questo punta in alto mentre il processo di legalizzazione continua ad andare spedito negli USA.

Commenta per primo su

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+