C'è il rimbalzo, i PMI positivi spingono il rischio. Ma occorre prudenza

C'è il rimbalzo, i PMI positivi spingono il rischio. Ma occorre prudenza

Ivan Gaddari  | 04.02.2020 11:25

E' stato un inizio settimana diverso, un inizio settimana che ha visto il ritorno della propensione al rischio. Certo, dopo il sell-off dei giorni scorsi è difficile pensare, almeno al momento, a una decisa ripresa del sentiment. Ma dati PMI relativi a gennaio decisamente incoraggianti evidentemente hanno innescato un ritorno agli asset più rischiosi.

Almeno per un giorno gli operatori sembrano aver messo da parte le paure del Coronavirus, ma il tema è dominante e qualsiasi notizia peggiorativa potrebbe nuovamente cambiare le carte in tavola. Nelle ultime settimane, se andiamo a guardare I grafici, ci sono stati due o tre piccoli rally ma si sono arrestati rapidamente. Il virus si sta diffondendo a percentuali a doppia cifra ogni giorno (in termini di numero di casi e di decessi confermati), e giungono notizie dei primi morti anche al di fuori della Cina (nelle Filippine e a Hong Kong).

Per il momento prendiamo atto del rimbalzo sui rendimenti obbligazionari e del conseguente spostamento della liquidità. Lo yen sta perdendo quota e il trend rialzista sull'oro sembra traballare. Anche l'azionario sta mostrando segnali di ripresa. Ma lo ripetiamo, alla luce di quanto accaduto recentemente bisogno prestare molta attenzione nel catapultarsi in direzione del rischio. Forse occorrerà dare un'occhiata più attenta agli indicatori del mondo reale, come il prezzo del petrolio piuttosto che del rame.

Per ora, il rimbalzo del prezzo del petrolio sembra molto incerto, quindi è bene mantenere una certa prudenza. Nel frattempo la Reserve Bank of Australia mantenuto i tassi di interesse a + 0,75% (nessuna variazione prevista), sebbene nei prossimi mesi sia ancora presente la prospettiva di un taglio. Ovviamente il Dollaro Australiano ha reagito positivamente, mentre lo stesso non si può dire della Sterlina dopo che le notizie riguardanti il possibile accordo commerciale post-Brexit non sembrano incoraggianti. La posizione del Primo Ministro britannico Johnson, in tal senso, ha favorito le forti vendite della valuta di riferimento.

Concludiamo dicendovi che oggi, sul fronte macro economico, sarà una giornata tutto sommato tranquilla.

Ivan Gaddari

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Daniel Caso
Daniel Caso

non ero un cigno nero in sostanza, ieri due articoli hanno sbagliato! come ho sbagliato anche io a prender troppo alto. era un bel long niente da dire.  ... (Leggi altro)

04.02.2020 10:34 GMT· 1 · Rispondi
Daniel Caso
Daniel Caso

a te pensavo ivan, ieri short si è chiuso sul rotto della cuffia dopo prime batutte del futures in partenza delle 23 . io continuo a vedere uno short sul dax ma attendo entro ben piazzato alto  ... (Leggi altro)

04.02.2020 10:32 GMT· Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’applicazione

Maggiori approfondimenti sui mercati, più allerte, ulteriori modi per personalizzare gli asset delle watchlist solo nell’applicazione

Scarica l’applicazione

Maggiori approfondimenti sui mercati, più allerte, ulteriori modi per personalizzare gli asset delle watchlist solo nell’applicazione