La tenuta del rame incoraggia un long sul Cile

La tenuta del rame incoraggia un long sul Cile

Raffaele Costa  | 12.06.2019 10:05

L'azionario del Cile mostra un movimento che prefigura un probabile allungo rialzista. Osservato sul lungo termine il mercato è inserito in un solido trend rialzista

L'indice sta consolidando un livello di supporto statico intorno ai 5000 punti, top del 2010, confezionando per ora il quarto appoggio su di esso

La situazione operativa più interessante è osservabile sul grafico settimanale dove i prezzi si apprestano ad un nuovo tentativo di scrollarsi di dosso il trend negativo iniziato ormai da più di un anno

In scia al cambio di atteggiamento della Fed sui tassi che ha indotto giustificate aspettative accomodanti su questo fronte, l'indice ha abbozzato un tentativo di inversione rialzista che lo ha portato a violare la trend line discendente. Movimento verificatosi fallace sia in prima battuta che sul successivo movimento di pull back.

Questo grafico mi dà modo di fornire una evidenza di come l'acquisto di un break out sia a volte più rischioso e complesso da gestire rispetto ad un pull back, quest'ultimo certamente meno entusismante dal punto di vista dell'adrenalina che si libera nel click sul mouse che genera l'entrata a mercato.

Infatti si fa spesso più fatica a posizionare lo stop per il semplice fatto che il break out di solito avviene con un allungo dei prezzi che porta con se un movimento più ampio e un maggiore numero di pips di loss.

Al contrario l'acquisto di un pull back oltre a permettere di aprire la posizione ad un livello spesso più basso rispetto al caso precedente, rende più facile e meno costoso il posizionamento dello stop. Nel grafico in esame tutto ciò risulta evidente: acquistando la rottura dei massimi della candela che ha effettuato il pull back e posizionando lo stop subito sotto il suo minimo l'efficenza della scelta salta agli occhi, basta osservare l'ampiezza dei circoli azzurri.

Il rame in tutto ciò cosa centra?

L'economia del Cile si regge praticamente sul rame essendo ricco di questo materiale il quale è responsabile del 60% circa del PIL del paese. La circostanza inevitabilmente finisce per determinarne anche le sorti nel tempo. Situazione ugualmente osservabile in altri paesi con simile dipendenza da una o poche risorse naturali come la Russia con gas e petrolio o il Venezuela ancora con il petrolio.

Le economie di questi paesi finiscono per essere spesso vulnerabili perché la ricchezza disponibile non incentiva più di tanto i Governi alla lungimiranza visto che non devono inventarsi nulla di eccezionale per determinare il benessere del paese, ma anzi tende ad alimentare la corruzione la quale è generatrice di sacche di inefficenza e arretratezza.

Comunque, tornando all'attualità, il mercato azionario del Cile presenta come immaginabile una elevata correlazione con le quotazioni del rame

i cui prezzi stanno mostrando una sostanziale tenuta sul livello 5800 coincidente con la sma200 sul grafico settimanale

La tenuta di questo supporto risulta a mio avviso decisiva per le sorti a breve e medio termine dell'indice azionario per cui occorre tenerlo d'occhio e valutare l'abbandono di eventuali posizioni long su di esso.

In un contesto di tenuta del rame, dunque, risulta lecito intercettare il possibile allungo dell'indice rispetto ai valori attuali.


Sul giornaliero i prezzi stanno violando sia la trend line discendente che la sua ema50, messaggi interessanti che possono giustificare un long (ETF) come al solito con diverse tecniche di entrata: acquisto del break out, acquisto del possibile pull back sulla trend line violata. Nel primo caso lo stop potrebbe essere utilmente piazzato sul minimo in area 4900 nel secondo caso si aspetta il movimento futuro dei prezzi. In entrambi i casi take profit possono essere 5300, 5350 e 5500.

Raffaele Costa

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
MARIO POZZI
MARIO POZZI

Gentile dottor Costa,. non mi pare che alla Borsa di Milano sia quotato un ETF che abbia come sottostante l'indice cileno. O sbaglio? Cordiali saluti. Mario Pozzi. P.S.: ci sono novità sulla formazione broadening su S&P500?  ... (Leggi altro)

12.06.2019 14:45 GMT· 1 · Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+