L'azionariato europeo chiude in lieve territorio negativo

L'azionariato europeo chiude in lieve territorio negativo

Giancarlo Della Pietà  | 11.12.2015 02:10

Seduta in territorio leggermente negativo per l’azionario europeo.

La maglia nera va al FTSE 100che, spinto al ribasso dalle vendite che stanno colpendo i titoli legati alle materie prime, ha chiuso a -0,63%, rispetto al dato precedente.

Rosso anche per l’IBEX 35, sceso del -0,58%, e sostanziale parità per Cac40 e Dax a -0,05% e +0,06%.

Ancora una seduta debole per Piazza Affari. L’indice FTSE MIB ha chiuso le contrattazioni con un calo del -0,42% non traendo beneficio dalla buona intonazione di Wall Street nella prima parte di seduta.

A meno di una settimana dall’appuntamento con la Fed. Tra le principali storie di Piazza Affari ieri si è assistito al rimbalzo di Mediaset SpA (MI:MS) (+1,67%) che era reduce da un filotto di ribassi dettato dai timori di un aumento della concorrenza in Italia sul fronte dei diritti tv calcistici (Vodafone (L:VOD) dovrebbe presentare la propria tv entro metà 2016) e dal fatto che Mediaset Premium non raggiunga i target di abbonati previsto per il secondo semestre dell’anno.

Tra i peggiori titoli di giornata spiccano Moncler SpA (MI:MONC) (-3,1%) e Yoox Net-A-Porter Group SpA (MI:YNAPm) (-1,46%), con quest’ultima che ritraccia ulteriormente dai massimi storici toccati a inizio settimana. In negativo anche Telecom Italia (MI:TLIT) (-1,92%).

Dal punto di vista macro economico le prime news sono arrivate dal continente oceanico, con l tasso di disoccupazione australiano. Nel mese di novembre il dato segna una frenata al 5,8% dal 5,9% della lettura precedente. Gli analisti si attendevano un rialzo al 6%. Variazione positiva per il tasso di partecipazione, salito al 65,3%, mentre il numero di occupati a tempo pieno sale da 38.400 a quota 41.600 unità.

A seguire, la Reserve Bank of New Zealand (Rbnz) ha abbassato il livello dei tassi di interesse di 25 punti base, portandolo dal 2,75% al 2,50 per cento. La mossa della banca centrale guidata dal governatore Graeme Wheeler è in linea con le attese del mercato.

Durante la sessione europea, il deficit commerciale britannico nel mese di ottobre sale da 8,8 a 11,8 miliardi di sterline. Gli analisti avevano stimato un incremento più contenuto a 9,8 miliardi. Subito dopo, la Bank of England ha annunciato di aver confermato il costo del denaro al minimo storico dello 0,5%, livello immutato dal 2009, e il piano di acquisto asset in quota 375 miliardi di sterline. La conferma del tasso benchmark ha registrato una maggioranza di 8 membri (1 solo voto contrario).

Infine, la giornata si è chiusa con la pubblicazione delle richieste di sussidi di disoccupazione americani che nella settimana del 4 dicembre sono state pari a 282 mila unità, in aumento rispetto alle 269 mila della settimana precedente. Le attese erano per un dato pari a 269 mila unità.

Giancarlo Della Pietà

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.

';