Senza storie rialziste, i titoli azionari potrebbero essere destinati al calo

Senza storie rialziste, i titoli azionari potrebbero essere destinati al calo

Michael Kramer  | 20.11.2020 12:53

Questo articolo è stato scritto in esclusiva per investing.com

I mercati sono saliti ininterrottamente dai minimi di marzo. La storia rialzista è cambiata nel corso dei mesi, passando dalla liquidità della Fed, ai tassi di interesse bassi, alle speranze per un vaccino, allo stimolo. A prescindere dalla storia, sembra che i titoli azionari abbiano sempre trovato un motivo per schizzare.

Il grosso problema che il mercato si trova davanti mentre aspetta che i potenziali vaccini vengano distribuiti è il rallentamento dell’economia. Gli ultimi dati sulle vendite al dettaglio e sulle richieste di disoccupazione sembrano suggerire infatti che la ripresa sta rallentando, frenando potenzialmente il rally del mercato. Con un secondo accordo su uno stimolo che difficilmente arriverà tanto presto, il bilancio della Fed non si sta più espandendo. Il mercato potrebbe sentirsi dimenticato e cominciare a scalpitare per ottenere ciò che gli serve per salire ancora.

Un collasso

Questo scalpitare probabilmente risulterà in un brusco ribasso dei prezzi dei titoli azionari, aiutando a motivare una risposta politica ad un’economia in rallentamento o alimentando i timori di una doppia recessione. Finora, il Congresso non è riuscito a trovare un accordo su un secondo stimolo. E la Fed non si incontrerà prima di metà dicembre.

Sembra che scalpitare sia il metodo preferito dal mercato per ottenere quello che vuole. Bruschi ed inattesi ribassi catturano sempre l’attenzione dei policymaker, che cercano rapidamente di placare le emozioni del mercato. Il selloff dell’autunno del 2018 era scaturito dal fatto che il mercato si sentiva nervoso per l’eccessivo inasprimento dei tassi da parte della Fed. Nel frattempo, il collasso per il coronavirus nella primavera del 2020 si è ridotto quando la Fed ha accettato di fornire ampia liquidità al mercato ed il Congresso ha dato una storica risposta di politica fiscale.

Il mercato è già surriscaldato

Sebbene sia quasi impossibile prevedere quando arriverà il momento dello scalpitio, potrebbero già esserci dei segnali che suggeriscono che il mercato è surriscaldato e pronto per una nuova storia. L’indice S&P 500 è scambiato in modo pressoché invariato dall’inizio di settembre, mentre l’indice NASDAQ è in calo. Tuttavia, il numero di titoli al di sopra della loro media mobile su 200 giorni sull’indice S&P 500 era pari a ben l’88% il 18 novembre, un livello che non si vedeva dalla metà del 2014. Si tratta di un livello associato ad un calo dell’indice azionario.

Inoltre, le aspettative sull’inflazione hanno cominciato a divergere dal mercato azionario nelle ultime settimane. Le aspettative sui prossimi 5 anni sono scese, mentre l’indice S&P 500 ha continuato a salire. Le minori aspettative sull’inflazione potrebbero suggerire che il mercato dei bond sta riflettendo questa ripresa economica rallentata.

5-Year Forward Inflation Expectations

Aspettative inflazione a 5 anni

Un fattore

La Fed si incontrerà il 15 dicembre e potrebbe rappresentare un fattore importante per l’intero mercato azionario. Se la Fed suggerirà che non aumenterà il ritmo degli acquisti di asset se l’economia dovesse indebolirsi ancora, il mercato potrebbe essere scontento.

Da solo, l’indice S&P 500 sarà in difficoltà perché le valutazioni dell’indice sono già molto alte. Senza il supporto di uno stimolo o di ulteriori allentamenti, il rapporto PE potrebbe iniziare a contrarsi, con un calo del valore dell’indice S&P 500.

Sebbene sia del tutto possibile per il mercato azionario proseguire semplicemente il rally, avrà probabilmente bisogno di una storia per spingersi più su da qui. E l’unica storia che sembra essere rimasta al momento è la speranza di una ripresa economica globale. Ma questa probabilmente sarà lenta, considerato che ci vorrà del tempo perché il vaccino sia distribuito in tutto il mondo.

Quando succederà, gli investitori potrebbero spostare la loro attenzione sul miglioramento dell’economia globale, consentendo ai titoli di essere scambiati sui fondamentali, anziché su sogni e speranze. Fino a quel momento, questo mercato rialzista avrà bisogno di una storia, e presto, per evitare di assistere ad un altro dei suoi soliti scalpitii che abbiamo tutti imparato a conoscere e ad amare.

Michael Kramer

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Nicola Sardella
Nicola Sardella

se mia nonna aveva le rotelle era una carrozza!  ... (Leggi altro)

23.11.2020 08:11 GMT· Rispondi
Orlando Orlandi
Orlando Orlandi

scrivere è facile ,difficile è dire cose sensate,sì è capaci di fare riferimento a ciò che è già avvenuto,ma se controlliamo come gestite i soldi di altri nei fondi ,vediamo che il più delle volte vanno peggio dei mercati.mi pongo quindi il problema,siete incapaci o menefreghisti?  ... (Leggi altro)

21.11.2020 18:19 GMT· Rispondi
Gian Cam
Gian Cam

ma scusa quando dici che esci dal mercato azionario, ti riferisci a singole azioni, oppure a fondi azionari e ETF?  ... (Leggi altro)

21.11.2020 11:45 GMT· Rispondi
Andrea Dodaro
Andrea Dodaro

Basta guardare la media mobile.....chi entra adesso in borsa è un pazzo....ma.chi esce adesso perde parecchie gioie....io sto investito e al.primo segnale....esco e aspetto prezzi più umani...ma per il momento i minimi sono sempre comprati e i massimi sono violati....specie per le borse europee  ... (Leggi altro)

21.11.2020 06:26 GMT· 1 · Rispondi
Chimofafa
Chimofafa

Ma va su non perche’ trova dei motivi na semplicemente lerche’ l’industria del risparmio gestito sta spostando gran masse sull’azionario quando le valutazioni sono gia’ molto molto alte e fra tre mesi o sei al massimo vi sara’ il crack cime nel 2000 e come nel 2007  ... (Leggi altro)

20.11.2020 16:48 GMT· 1 · Rispondi
Thomas Todisco
Thomas Todisco

Io vedo sempre il solito gufo in articoli del genere, comunque porta sempre bene al rialzo sul long! Buon week   ... (Leggi altro)

20.11.2020 15:50 GMT· 3 · Rispondi
paolo pablito
paolo pablito

Ottima analisi con contenuti interessanti e spiegazioni chiare.  ... (Leggi altro)

20.11.2020 15:33 GMT· Rispondi
Marco Piri
Marco Piri

Con il nuovo presidente USA, la notizia dei vaccini già scontata, stimoli all' economia già al massimo, non vedo altre buone notizie per il momento. Quindi occhio ai ribassi...  ... (Leggi altro)

20.11.2020 14:48 GMT· Rispondi
Jacopo Rossi
Jacopo Rossi

Ottimo articolo realista che sice chiaramente come gira davvero il mercato. Stare investiti ma sempre attenti e con il Vix sott’ occhio.   ... (Leggi altro)

20.11.2020 14:22 GMT· Rispondi
Marco Macri
Marco Macri

finalmente un articolo obiettivo e realista che non spara numeri a caso x il futuro. grazie  ... (Leggi altro)

20.11.2020 13:42 GMT· 1 · Rispondi
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 简体中文 繁體中文 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+

Scarica l’App di Investing.com

Ottieni gratuitamente quotazioni in tempo reale, grafici e allerte su azioni, indici, valute, materie prime e bond. Ottieni gratuitamente le migliori analisi/previsioni tecniche.

Investing.com è meglio sull’App!

Più contenuti, maggiore velocità per quotazioni e grafici, e maggiore fluidità dell’esperienza solo sull’App.

';