Borsa Milano chiude in calo su timori per nuovo governo, giù le banche

Borsa Milano chiude in calo su timori per nuovo governo, giù le banche

Reuters  | 16.05.2018 18:33

Borsa Milano chiude in calo su timori per nuovo governo, giù le banche

MILANO (Reuters) - Piazza Affari ha chiuso in calo di oltre il 2%, in controtendenza rispetto alle altre borse europee, sulla scia delle indiscrezioni riguardanti il contratto di governo M5s-Lega.

I settori più colpiti dalle vendite sono i finanziari e le utilities che pagano anche l'allargarsi dello spread e la possibilità -- come sottolinea un broker -- di "misure specifiche" su questi settori in caso si formi un governo M5S-Lega.

Ieri L'Huffington Post ha diffuso una bozza del contratto di governo 'giallo-verde' in cui si parlava, tra le altre cose, di uscita dall'euro e di richiedere la cancellazione di 250 miliardi di euro in debito italiano acquistati dalla Bce nel Qe.

Nonostante con una nota congiunta Matteo Salvini e Luigi Di Maio si siano affrettati a dire che si trattava di una versione del contratto datata e ormai superata, i mercati sono rimasti sotto pressione.

Il differenziale di rendimento tra Btp e Bund a 10 anni è salito fino a 151 punti base da 131 punti base della chiusura di ieri, toccando il massimo dal 5 marzo, giorno immediamente successivo alle elezioni.

L'indice FTSE Mib ha chiuso in calo del 2,32% e l'AllShare ha perso il 2,29%. Volumi per un controvalore pari a 4,4 miliardi di euro. L'indice paneuropeo STOXX 600 avanza dello 0,29%.

** Brilla SAIPEM (MI:SPMI), con un rialzo del 12,23% a 3,917 euro. Un trader cita un incremento di target price da parte di Morgan Stanley (NYSE:MS). Bernstein ha alzato il rating ad 'outperform', con un nuovo target price di 6,6 euro.

** Tonica TENARIS (MI:TENR), anch'essa spinta da un report di Morgan Stanley.

** Riescono a rimanere in territorio positivo anche alcuni titoli del lusso, come MONCLER (MI:MONC) e FERRAGAMO (MI:SFER).

** In forte calo le banche. Il paniere degli istituti italiani ha lasciato sul terreno il 3,68%. Deboli soprattutto BANCO BPM (MI:BAMI) (-5,37%), UNICREDIT (MI:CRDI) (-4,72%), MEDIOBANCA (MI:MDBI) (-4%).

** Forti vendite anche su MEDIASET (MI:MS), che ha perso il 5,28%.

** In evidenza VITTORIA ASSICURAZIONI (+19,7%) dopo l'annuncio di un'opa da parte dell'azionista di riferimento.

** In deciso calo anche il risparmio gestito, con FINECOBANK (MI:FBK) che ha ceduto il 5,47%.

** TIM ha perso il 4,09% nel giorno dell'approvazione dei risultati trimestrali.

** ASTALDI ha lasciato sul terreno oltre il 4% dopo aver annunciato l'approvazione del nuovo piano strategico al 2022, un aumento di capitale fino a 300 milioni di euro e l'accordo strategico con il gruppo giapponese IHI Corporation, che parteciperà alla ricapitalizzazione.

** Tra le società che hanno pubblicato i risultati trimestrali ieri a borsa chiusa, bene IL SOLE 24 ORE (+3,95%); pesanti RETELIT (-8,17%), GEOX (-6,03%).

© Reuters. La sede di Borsa Italiana a Milano

Notizie Correlate

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+