Il bazooka della BCE innescherà una guerra valutaria?

Il bazooka della BCE innescherà una guerra valutaria?

Peter Rosenstreich  | 11.09.2019 15:26

Un senso di malessere è calato sui mercati finanziari. L’assenza di notizie significative ha lasciato che i prezzi vagassero alla deriva. Dal punto di vista tattico, monitoriamo i media per qualsiasi notizia su relazioni commerciali fra USA e Cina, BCE, Brexit, dati generali a sostegno di una direzione della Fed, per avere un’idea sul movimento dei prezzi nel breve termine. In Asia, l’assenza di notizie negative (l’esodo di Bolton può essere visto come un segnale positivo dai globalisti) ha contribuito al brusco rimbalzo di Nikkei e Hang Seng.

In prospettiva, il taglio dei tassi, il loro scaglionamento e gli acquisti di asset della BCE ricordano un copione ormai noto. Le ricadute sui prezzi dovrebbero essere limitate (ma favorevoli). In realtà, le prospettive economiche dell’UE sono deboli ma non terribili, quindi un intervento ad armi spianate della BCE potrebbe essere un po’ eccessivo, salvo che non vi sia un obiettivo alternativo. Per i mercati forex, l’intervento della BCE offrirà maggiori spunti. Il vantaggio incrementale della riduzione dei tassi d’interesse (quello sui depositi è già negativo e la curva dei rendimenti UE è bassissima) sarà marginale, ma il messaggio in codice per i trader valutari è più profondo.

La “corsa al minimo”, la svalutazione della moneta per ottenere un vantaggio competitivo è diventata una delle modalità operative preferite sul forex. Alla luce di tassi di crescita del PIL annuo solidi, pari al 2,3% e al 6,2%, RBNZ e RBI avrebbero potuto evitare di tagliare il tasso finché i dati non avessero segnalato un deterioramento più netto.

A nostro avviso, però, la decisione di intervenire mirava alle valute (soprattutto considerando la rapida svalutazione dello CNY). Il rallentamento della crescita e le prospettive più deboli negli USA, oltre al calo dei rendimenti, dovrebbero frenare la domanda di USD. Per rimanere competitivi, i paesi devono tagliare ora, in modo aggressivo, i tassi d’interesse. In testa riecheggiano ancora le parole del ministro delle Finanze brasiliano Guido Mantega, che nel 2010 affermò che era scoppiata una “guerra valutaria internazionale”. L’azione della BCE innescherà la prossima ondata di svalutazioni.

Peter Rosenstreich

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Aggiungi un commento
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Discussione
Scrivi una risposta...
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.

Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.

English (USA) English (UK) English (India) English (Canada) English (Australia) English (South Africa) English (Philippines) English (Nigeria) Deutsch Español (España) Español (México) Français Nederlands Português (Portugal) Polski Português (Brasil) Русский Türkçe ‏العربية‏ Ελληνικά Svenska Suomi עברית 日本語 한국어 中文 香港 Bahasa Indonesia Bahasa Melayu ไทย Tiếng Việt हिंदी
Esci
Sei sicuro di voler uscire?
No
Annulla
Salvare le modifiche

+